L’Atletico-Chivasso costretto ad affittare un campo sportivo per disputare il campionato

Chivasso

/

01/04/2016

CONDIVIDI

La società denuncia un inspiegabile ostruzionismo attuato dall'Amministrazione comunale. Eppure i le strutture non mancano

Costretta ad allenarsi altrove perchè l’Amministrazione comunale chivassese non concede alla società sportiva uno spazio adeguato dove stabilire la sede sociale e nel quale poter disputare le partite di calcio. Non è un bella vicenda quella che riguarda l’Atletico Chivasso, una società giovane e dinamica che milita nel Girone D del campionato di Prima Categoria e che si è conquistata con grinta e determinazione la vetta della classifica.

Il settore giovanile è un fiore che la società sportiva chivassese può appuntarsi all’occhiello: decine di bambini che vanno dai 6 ai 10 anni e che costituiscono il futuro del sodalizio. E poi c’è l’intenzione di costituire una squadra Juniores e Allievi per la prossima stagione. Ma per l’Atletico non c’è posto a Chivasso. Un fatto del tutto apparentemente inspiegabile. Eppure la società sportiva presieduta da Giampiero Pitzalis ha proposto al sindaco Libero Ciuffreda diverse soluzioni per risolvere il problema individuando tre possibili strutture nelle quali svolgere la propria attività: lo stadio comunale che porta il nome di Paolo Rava, ex sindaco di Chivasso, il campo sportivo situato in frazione Torassi e l’impianto della frazione Montegiove (ambedue le strutture sono attualmente inutilizzate).
Non si tratta, spiegano i dirigenti dell’Atletico Chivasso di una questione economica e denunciano un ostruzionismo, attuato dall’amministrazione comunale, che non ha senso: la società ha fornito la sua disponibilità ad assumersi il costo totale delle spese per la riqualificazione e la manutenzione dei due campi da calcio. Ad oggi gli allenamenti della prima squadra giovanile si svolgono presso il campo sportivo di Montegiove, dove non si possono disputare partite perchè non è a norma.

Dichiara il presidente Giampiero Pitzalis:”Sono state inviate diverse comunicazioni all’amministrazione comunale almeno dal mese di settembre 2015 perché confidavamo nel sostegno delle istituzioni, ma non abbiamo mai ricevuto risposte concrete per risolvere il problema. A causa della mancanza del campo da gioco siamo stati costretti a rinunciare alla partnership con il G.S.D. Volpiano nell’organizzazione del torneo internazionale ‘8° Memorial Rolle/Gariglio/Fantini’ in cui l’Atletico Chivasso avrebbe gestito un intero girone. Il 15 aprile si aprirà il bando per l’assegnazione del campo sportivo ‘Pastore’ e non vorremmo dover essere costretti a competere inutilmente con la società che l’ha ora in concessione (U.R.S. La Chivasso), poiché l’unico risultato certo sarebbe un danno enorme per il calcio chivassese”.
L’obiettivo che l’Atletico Chivasso s è posto fin dall’inizio della propria attività nella città in cui è nato. Un diritto che, a giudizio della società, spetta anche a tutte le famiglie dei giocatori e dei tifosi che sostengono il progetto redatto dal presidente Pitzalis. Intanto, per poter disputare le ultime partite decisive per la Promozione, la società è stata costretta ad affittare il campo sportivo di San Raffaele Cimena, centro abitato dell’Oltrepo a una decina di chilometri da Chivasso.

Dov'è successo?

Leggi anche

25/04/2018

Asl T04: il 59enne Giampiero De Marzi è il nuovo direttore del Servizio di Igiene Mentale di Ivrea e Ciriè

Giampiero De Marzi, 59 anni, è il nuovo direttore della Struttura Complessa Salute Mentale Ciriè-Ivrea. Si […]

leggi tutto...

25/04/2018

Oglianico celebra il 25 aprile con le note della rinata Filarmonica dedicata a Silvio Gianotti

Il 25 aprile? A Oglianico la celelabrazione della Liberazione è coincisa con una delle prime uscite […]

leggi tutto...

25/04/2018

Rondissone: motociclista si schianta contro un carro attrezzi. Muore sul colpo un uomo di 37 anni

Si chiama Roberto Peretto il  motocilista di 37 anni , residente a Mazzè, che nel pomeriggio […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy