La Telecom dovrà risarcire con 350 mila euro il marito di una dipendente Olivetti morta per l’amianto killer

Ivrea

/

28/12/2016

CONDIVIDI

Il giudice del lavoro ha accolto la tesi dei legali del marito della donna e ha riconosciuto il nesso di causalità tra il decesso e la presenza di asbesto

Un altro caso di mesotelioma incurabile: tanto devastante da provocarne in qualche anno la morte. Vittima dell’amianto-killer è stata un’operaia impiegata per diversi anni presso lo stabilimento Olivetti di Agliè. Nei giorni scorsi, al termine del processo intentato nei confronti di Telecom Italia, proprietaria del marchio Olivetti, il giudice del lavoro del tribunale di Ivrea Lucca Fada, ha condannato il colosso delle comunicazioni a versare al marito della donna un risarcimento di 350 mila euro.

La Telecom risponde in sede civile anche per quanto è accaduto prima che l’Olivetti venisse incorporata nel gruppo societario. In altre situazioni la società ha raggiunto un accordo transattivo con i famigliari delle vittime colpite dal carcinoma della pleura. Nell’emettere il verdetto, il giudice del lavoro ha fatto riferimento alla recente sentenza in primo grado pronunciata al tribunale di Ivrea che ha condannato gran parte dei vertici dell’Olivetti, e ha stabilito che vi è un legame diretto tra l’esposizione dell’organismo dei dipendenti alle fibre presenti nell’amianto installato negli stabilimenti del Gruppo.

In sostanza, in sede giudiziaria, è stato sancito il nesso di causalità nel caso della donna che spirò nel mese di febbraio 2013 dopo atroci sofferenze. La donna era residente in piccolo centro abitato del Canavese e nello stabilimento di produzione alladiese aveva lavorato come addetta alle linee di montaggio delle macchine per scrivere e delle fotocopiatrici. Il giudice ha in sostanza accolto la tesi esposta dai legali della fmiglia, Enrico Scolari, Mario Benni e Ugo Cappellaro.

Il magistrato giudicante ha infine sottolineato, sulla scorta delle testimonianze che l’Olivetti avrebbe consentito l’ingresso di amianto negli stabilimenti e, per questa ragione, i dipendenti avrebbero dovuto dispositivi di protezione personale che “non erano disponibili”. E la sentenza è conseguente.

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

23/11/2017

Pavone, andavano in giro con coltelli a serramanico e un piede di porco. Denunciati due disoccupati

I carabinieri della Stazione di Ivrea hanno denunciato in stato di libertà alla Procura di Ivrea […]

leggi tutto...

Ivrea

/

22/11/2017

Canavese, nel 2017 sono state ben 187 le donne oggetto di violenza. Le iniziative dell’Asl To4

Come sempre è alta l’attenzione dell’Asl To4 sulla problematica della violenza contro le donne, attraverso l’impegno […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

22/11/2017

Cuorgnè, nasce in città una comunità di vendita on line di prodotti agricoli a chilometri zero

E’ con un “alveritivo” che avrà luogo venerdì 14 novembre alle 18,30 nella splendida cornice di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy