La nuova privacy è un vantaggio per le imprese? Il Keyco Business Forum ha fatto ancora centro

San Giorgio Canavese

/

01/12/2017

CONDIVIDI

La nuova regolamentazione europea in materia di privacy che prevede più tutele per i cittadini, semplificazioni per le imprese, innovazioni anche per gli enti pubblici. In sintesi, la nuova direttiva punta a rispondere alle sfide poste dagli sviluppi tecnologici e dai nuovi modelli di crescita economica, tenendo conto delle esigenze di tutela dei dati personali sempre più avvertite dai cittadini

“Una privacy tutta nuova: un vantaggio per il business?” è stato il tema proposto dalla settima edizione del Keyco Business Forum. Lo sviluppo economico imprenditoriale canavesano passa anche attraverso la conoscenza e l’applicazione della nuova disciplina europea sulla privacy che dovrà essere adottata perentoriamente entro il 25 maggio del 2018? Sì. A questa conclusione si è giunti al termine della settima edizione del Keyco Business Forum organizzato dalla Keyco Srl della quale è amministratore e fondatore l’imprenditore Fabrizio Rosboch.

Il convegno, che si è svolto nel pomeriggio di giovedì 30 novembre nelle splendide sale del castello di San Giorgio Canavese, rivolto a una vasta platea costituita da imprenditori, commercialisti, avvocati, liberi professionisti e giornalisti, ha avuto il pregio, grazie agli interventi di qualificati relatori, il pregio di far conoscere la nuova normativa sulla privacy che l’amministrazione pubblica e l’imprenditoria privata dovranno applicare tra qualche mese. Anche questa volta, il Keyco Business Forum, moderato dal giornalista Maurizio Vermiglio, ha fatto centro e ha confermato la sua vocazione ad essere un punto di riferimento per chi ha fatto della libera progressione una fondamentale scelta di vita.

La redazione del programma ha tenuto conto dell’esigenza di approfondire il complesso argomento dell’applicazione del nuovo regolamento sulla privacy nei settori come quello ad esempio assicurativo, legislativo, cionsulenziale e operativo. D’altro canto gl’imprenditori che operano ormai in un sistema professionale e produttivo, sanno bene che all’innovazione si deve affiancare una normativa europea sul tratamento dei dati sensibili che sia uguale per ogni stato membro della Comunità Eupea. Certo, adottare piattaforme informatiche che consentiranno di poter gestire la nuova disciplina costituisce un onere: ma si tratta di un costo ammortizzabile con una significativa riduzione del tempo occorrente per adeguare la propria azienda al tratamento dei darti personali.

E’ da sottolineare che la nuova regolamentazione europea in materia di privacy che prevede più tutele per i cittadini, semplificazioni per le imprese, innovazioni anche per gli enti pubblici. In sintesi, la nuova direttiva punta a rispondere alle sfide poste dagli sviluppi tecnologici e dai nuovi modelli di crescita economica, tenendo conto delle esigenze di tutela dei dati personali sempre più avvertite dai cittadini.

In sostanza il Keyco Business Forum si è proposto ancora una volta, come un’opportunità di apprendimento e confronto riconosciuto come credito formativo dagli Ordini dei commercialisti, dei consulenti del Lavoro, degli avvocati e dei giornalisti. L’evento è stato patrocinato dalla Città Metropolitana di Torino e dalla Regione Piemonte. Al seminario hanno preso oltre 150 persone tra professionisti e relatori: un dato che testimonia come il Keyco Business Forum costituisca un momento di apprendimento e di confronto di riferimento per tutta l’ex provincia di Torino anche in virtù della fatto che l’obiettivo, pienamente raggiunto, è quello di alimentare nuove riflessioni e sinergie territoriali di sviluppo nel contesto di consolidate collaborazioni con gli ordini professionali della Città Metropolitana di Torino e la cooperazione dell’ente Essenzialmente Formazione, accreditato in Regione Piemonte per la formazione professionale e i servizi al lavoro.

Nel corso del convegno hanno preso la parola l’avvocato Stefano Cuffaro (Dati digitali: governance della sicurezza delle informazioni), la dottoressa Elisa Censi, consulente legale informatico (Dati Digitali: governance della sicurezza delle informazioni), il dottor Luigi Marano, Fleet Manager presso biAuto Group (L’evoluzione della vendita auto e erlativi servizi nell’era digitale), l’avvocato Laura Marengo, Ufficio legale Unione Industriale di Torino (Regolamento Ue: un problema o un’opportunità per le imprese?), il dottor Daniele Zorzoli, Partner Bios Management S.r.l. (GDPR: da obbligo a opportunità: leva di business, tecnologie abilitanti e processi) e il dottor Roberto Pizziconi, dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Torino (Privacy sul posto di lavoro: rischio di contenzioso tra dipendenti e datori di lavoro). E’ possibile visionare il filmato completo dell’incontro su Youtube sul canale dedicato Keyco Channel.

Dov'è successo?

Leggi anche

San Maurizio Canavese

/

24/09/2018

Lavoro: McDonald’s apre un ristorante a San Maurizio Canavese e cerca 40 dipendenti

La catena internazionale di fast food McDonald’s apre un nuovo ristorante a San Maurizio Canavese e […]

leggi tutto...

Ivrea

/

24/09/2018

Economia: Patrizia Paglia è il nuovo presidente di Confindustria Canavese. Subentra a Fabrizio Gea

L’alladiese Patrizia Paglia, amministratore delegato della Iltar-Italbox Industrie Riunite di Bairo, è il nuovo presidente di […]

leggi tutto...

24/09/2018

Rivarolo: i misteri del Vaticano nel dibattito tra Fabrizio Bertot e Francesca Immacolata Chaouqui

Sarà una serata destinata ad accendere la curiosità ma che farà anche discutere: nel contesto della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy