La banda dei bancomat colpisce a Borgaro ma l’erogatore ha resistito. Niente bottino per i ladri

Borgaro

/

12/05/2017

CONDIVIDI

L'impianto erogatore ha retto alla violenza dello scoppio, Danneggiato il vano in cui era stato posizionato

Questa volta la “banda dei bancomat” ha colpito a Borgaro Torinese: i malviventi continuano a far saltare in aria i bancomat con l’acetilene e fuggono con il bottino senza lasciare tracce. E’ accaduto nella notte di giovedì 10 maggio in via Costituente dove i banditi hanno preso di mira la filiale della banca Intesa Sanpaolo.

In questa occasione, però, i membri della banda sono rimasti  a mani vuote: l’esplosione causata dal gas ha letteralmente sventrato la cavità nel quale era posizionato il bancomat che ha resistito allo scoppio. Il denaro è rimasto all’interno dell’erogatore automatico. Un epilogo simile aveva avuto luogo nel mese di luglio 2016.

Ad avvertire le forze dell’ordine sono stati i residenti della zona bruscamente svegliati dal boato provocato dall’esplosione. Sulla vicenda indagano i carabinieri della stazione di Caselle e i colleghi della Compagnia di Venaria.

Si ritiene che la banda sia la medesima che ha colpito due settimana fa a Venaria la filiale del Monte dei Paschi di Siena (i banditi fuggirono con 10 mila euro) e il bancomat dell’ufficio postale di Gassino Torinese.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/05/2018

Caselle: auto divorata dalle fiamme nella notte in pieno centro storico. Si tratta di dolo o corto circuito?

Completamente distrutta dalle fiamme. Si tratta di un corto circuito o di un atto doloso? Ad […]

leggi tutto...

22/05/2018

Lombardore: auto esce di strada sulla provinciale 267. Illeso il conducente, ma il traffico va in tilt

Ha forse cercato di evitare di scontrarsi con un’altra autovettura, l’automobilista che è finito fuori strada […]

leggi tutto...

22/05/2018

Chivasso: pirata della strada provoca incidente e fugge. Dopo un’ora si costituisce ai vigili

E’ stato denunciato per omissione di soccorso un 28enne residente a Livorno Ferraris che dopo aver […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy