Ivrea: in un rapporto Coldiretti la fotografia del radicamento mafioso nella filiera agroalimentare

12/01/2018

CONDIVIDI

Il volume di affari delle organizzazioni criminali ammontava, nel 2016, a circa 22 miliardi di euro. Alla presentazione del documento ha preso parte anche l'ex magistrato Giancarlo Caselli

Le organizzazioni criminali mafiose? Si insinuano dappertutto: nell’edilizia, negli affari, nella politica, nello smaltimento illecito dei rifiuti e persino nel settore agro-alimentare: quel che già si sapeva è stato evidenziato nella serata di giovedì 11 gennaio a Ivrea nel corso di un incontro promosso alle Officine H dalla Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea, l’Associazione Aranceri, Il Comune di Ivrea, la Fondazione Benvenuti in Italia e Libera Piemonte, ossia tutti i firmatari del protocollo “Arance Frigie”.

Alla serata, nel corso della quale è stato ufficialmente presentato il rapporto annuale elaborato dalla Coldiretti sulle Agromafie, hanno preso parte anche Giancarlo Caselli ex procuratore capo di Palermo e di Torino, oggi presidente dell’Osservatorio sulle Agromafie istituito dalla Coldiretti e il deputato Davide Mattiello e membro della commissione Antimafia della Camera.

Nel rapporto è stato evidenziato come il sistema mafiosi si sia radicato nel sistema alimentare, inserendosi come una piovra nella produzione, distribuzione e vendita dei prodotti che quotidianamente finiscono sule tavole degli italiani.

Il volume di affari stimato dimostra come le mafie siano in grado di ricavare enormi profitti nei settori produttivi nazionali e internazionali. Un dato su tutti: ammonta a circa 22 miliardi di euro il volume di affari relativo al 2016. E non è tutto; rispetto al 2015 l’incremento è pari al 30%.

Al termine della serata caratterizzata dalla presenza di un foltissimo pubblico si è anche parlato del protocollo delle “Arance Frigie” che promuove in concreto, attraverso l’acquisto certificato delle migliaia di tonnellate di arance usate nel corso della battaglia delle arance,  la cultura della legalità e la lotta al caporalato, che è una delle piaghe endemiche delle regioni del Sud Italia.

Dov'è successo?

Leggi anche

25/02/2020

Coronavirus, il presidente della Regione Cirio: “Non chiuderemo i negozi che soffrono già abbastanza”

Il presidente della Regione Alberto Cirio ha chiesto al presidente del Consiglio Conte di attivare da […]

leggi tutto...

25/02/2020

Finanziati i cantieri di lavoro per 32 over 58 nelle Unioni Montane e nei comuni del Canavese

Un cospicuo numero di comuni canavesani e di Unioni montane sono stati finanziati dalla Regione Piemonte […]

leggi tutto...

25/02/2020

Coronavirus, la Regione Piemonte ha istituito un nuovo numero verde. Situazione stabile

L’Unità di crisi della Regione Piemonte sul Coronavirus “Covid19” ha istituito il numero verde sanitario 800.19.20.20, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy