Ivrea: sfuma l’ampliamento del liceo Botta. E scoppia la protesta di docenti e studenti

Ivrea

/

11/09/2016

CONDIVIDI

Dopo anni di promesse alla fine non si farà http:\\/\\/canavesenews.ita. La Città Metropolitana sostiene che non ci sono i fondi per avviare i lavori. Gl'insegnanti: "Basta con gli equilibrismi politici"

Tante promesse su un ampliamento che sembrava ormai un dato di fatto e invece, alla fine, non se ne è fatto nulla. I 1.300 studenti del Liceo Botta di Ivrea, lunedì 12 settembre, primo giorno di scuola, si ritroveranno alle prese con i soliti problemi: niente secondo laboratorio multimediale-linguistico. Al suo posto è stata istituita un’altra classe. La quarantatreesima.

La polemica esplode virulenta, proprio alla vigilia dell’inizio dell’anno scolastico. Personale docente, operatori scolastici e studenti da tempo lamentano una cronica carenza di spazi che, a loro dire, penalizza l’attività didattica. In sostanza l’ampliamento previsto non avrà luogo, anche se gli spazi da utilizzare non mancano: a disposizione ci sarebbero i locali vuoti che sono attigui a Palazzo Giusiana che ospitava il tribunale (di proprietà comunale) e quelli dell’Opera Pia Moreno dove già si trova la succursale del liceo. Il collegio docenti, non appena appresa la notizia ha espresso tutta la sua cocente delusione e la sua rabbia.

Il problema sembra essere legato al rinnovo del consiglio e della giunta della Città Metropolitana, che ha fatto sapere che non ci sono risorse finanziarie per poter avviare il tanto sospirato ampliamento. E manca anche un bilancio approvato. Insomma. la questione dell’ampliamento sarà rimandata sine die e tutti dovranno rassegnarsi a fare i conti con uno spazio che non c’è.

E questa non è una novità. Gl’insegnanti sottolineano come gli equilibri politici e quelli contabili, penalizzano ancora una volta un istituto scolastico che da sempre promuove la crescita culturale del territorio.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/09/2019

Rivarolo Canavese: coinvolti in un incidente stradale una ciclista e un “centauro”. Non sono gravi

Due feriti, per fortuna non gravi: è il bilancio di un incidente stradale nel quale sono […]

leggi tutto...

21/09/2019

Venaria: arrestato un pusher che spacciava il “Krokodril”, la droga che provoca cancrene mortali

Si chiama “Krokodil” l’ultima, devastante droga, apparsa sul mercato internazionale. Si ricava dalla codeina e viene […]

leggi tutto...

21/09/2019

Lanzo: perde il controllo dell’auto e sfonda la recinzione della Torino-Ceres. Traffico bloccato per due ore

Dopo aver perso, per cause ancora in via di accertamento il controllo della Toyota Yaris che […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy