Ivrea: scoperta fabbrica clandestina di esplosivi alla periferia della città. La polizia denuncia 5 persone

Ivrea

/

30/12/2018

CONDIVIDI

L’intera operazione durata diversi giorni ha consentito agli agenti di sequestrare lo stabile in cui veniva svolta l’attività clandestina nei pressi di un'azienda di energia e gas

Gli agenti del commissariato di Ivrea hanno scoperto e sequestrato un’immobile di circa 400 metri quadrati alla periferia della città utilizzato come fabbrica clandestina di materiale esplosivo. Con l’ausilio di personale del Reparto Prevenzione Crimine di Torino e delle squadre degli Artificieri e dei Cinofili specializzati nella ricerca di armi ed esplosivi, hanno individuato lo stabile in oggetto e hanno denunciato cinque persone per produzione e commercio clandestino di esplosivi, ricettazione e sostituzione di persona.

Si tratta di tutti cittadini italiani con età comprese tra i 63 e i 33 anni.La merce veniva confezionata utilizzando il marchio di una ditta che produce realmente fuochi di artificio. Sono in corso indagini finalizzate a scoprire eventuali altri membri della banda e la destinazione di questa ingente produzione, si parla infatti di svariate centinaia di chili di materiali.

L’intera operazione durata diversi giorni ha consentito di sequestrare lo stabile in cui veniva svolta l’attività clandestina, situato davanti ad un’azienda di Energia e Gas, con connessi pericoli di deflagrazioni; gli agenti hanno inoltre sequestrato due furgoni utilizzati per il trasporto delle presse idonee per assemblare le componenti utilizzate per produrre la polvere da sparo, nonché per trasportare il prodotto lavorato al committente; un auto appartenente ad uno degli indagati con la quale venivano trasportati i botti da vendere al dettaglio previa dimostrazione come è stato appurato dai pedinamenti eseguiti; cinquanta candelotti esplosivi super Cobra 6 con l’etichetta il cui principio attivo di polvere pirotecnica presente equivale a più di 50 grammi ognuno.

Leggi anche

05/06/2020

Ceresole: il paese accoglie gratuitamente 150 infermieri e medici che hanno combattuto il Covid

Ceresole Reale è un piccolo comune. Un centro abitato in Valle Orco di 167 abitanti che […]

leggi tutto...

05/06/2020

Piemonte: scattano le denunce per la “bufala” sulle mascherine tossiche distribuite dalla Regione

“La Regione Piemonte sta procedendo a denunciare per procurato allarme quanti hanno dato visibilità all’ignobile accusa […]

leggi tutto...

05/06/2020

Coronavirus in Piemonte: negli ospedali si svuotano e chiudono i reparti Covid. Ma risalgono i contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che oggi, venerdì 5 giugno, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy