Lugnacco, è stato ritrovato in stato confusionale a Ivrea il barista scomparso da domenica scorsa

Ivrea

/

03/03/2017

CONDIVIDI

I carabinieri lo hanno individuato sul ponte passerella di Ivrea. Che cosa ha fatto dal pomeriggio di domenica alla notte di venerdì 3 marzo?

Lo hanno trovato nella notte dai carabinieri della Compagnia di Ivrea il barista Constantin Bercea, 49 anni, residente a Lugnacco in Valchiusella, che dalla serata di domenica non aveva più dato notizie di sè alla famiglia. Nella mattinata di ieri, giovedì 2 marzo, carabinieri e gli uomini della Protezione civile avevano organizzato le squadre di ricerca e nella notte di venerdì 3 marzo i carabinieri lo hanno trovato sul ponte-passerella in legno a Ivrea che vagava in preda a uno stato confusionale.

Gli uomini dell’Arma lo hanno dapprima condotto in caserma e, successivamente, lo hanno affidato alle e del personale sanitario del 118 che lo ha trasportato all’ospedale di Ivrea. Si chiude con un lieto fine una vicenda che da giorni stringeva nella morsa dell’angoscia la famiglia dell’uomo di origine romena. Resta da chiarire che cosa Constantin Bercea ha fatto da domenica pomeriggio, mentre a Ivrea infuriava la prima giornata della Battaglia delle arance, fino alla notte di venerdì quando i soccorritori lo hanno trovato.

Di certo di sa che nella prima serata di domenica scorsa l’uomo era stato medicato dai medici del pronto soccorso dell’ospedale di Ivrea. Poi, da quando era stato dimesso, di Constantin si erano perse le tracce. La moglie, titolare del bar- alimentari di Lugnacco nella mattinata di giovedì 2 marzo aveva presentato una denuncia di scomparsa ai carabinieri.

Dov'è successo?

Leggi anche

Leinì

/

18/10/2018

Leinì: avevano una villa abusiva e rubavano energia elettrica. I carabinieri denunciano due nomadi

Era tutto abusivo: la villa, una baracca e un prefabbricato che serviva da servizio igienico. A […]

leggi tutto...

Ivrea

/

18/10/2018

Morti Olivetti: tutti assolti perchè il fatto non sussiste. La Corte d’Appello: non ci sono prove per condannare

Non ci sono prove sufficienti per provare la responsabilità dei vertici Olivetti dei dirigenti dell’azienda in […]

leggi tutto...

Rivarolo Canavese

/

18/10/2018

“Canavesana” più sicura: Regione e Rfi firmano il protocollo sicurezza. Lavori in tempi rapidi

Verrà firmato a breve il protocollo tra Regione Piemonte e Rfi che consentirà di dare il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy