Ivrea, il pubblico ministero ha chiesto l’ergastolo per Mario Perri, l’assassino di Pierpaolo Pomatto

Ivrea

/

08/02/2017

CONDIVIDI

La pubblica accusa, nel corso del processo penale che si sta celebrando in tribunale, ha definito "efferato" il delitto commesso

Per la pubblica accusa, Mario Perri, il pregiudicato di Rivarolo Canavese, che ha confessato davanti al Gip di aver ucciso l’ex panettiere di Feletto Piepaolo Pomatto, merita l’ergastolo. Il pubblico ministero non ha dubbi: per quall’afferato assassinio (avvenuto nella notte del 19 gennaio nella campagne di frazione Argentera) non merita altra pena che il carcere a vita.

Nella mattinata di mercoledì 8 febbraio nel corso del processo che si sta celebrando nel tribunale di Ivrea. Mario Perri, 56 anni, calabrese di origine, per mesi ha sempre sostenuto di essere innocente poi, a sorpresa, la scorsa settimana, ha confessato di aver compiuto il delitto, come ha sostenuto davanti al Gip, per legittima difesa.

Una tesi che non ha affatto convinto la procura che, in aula, ha chiesto il massimo della pena. Piepaolo Pomatto, 66 anni, una lunga lista di precedenti alle spalle, era stato ucciso con un solo colpo di pistola sparato alla nuca, come si fa nelle esecuzioni.

Il sostituto procuratore Ruggero Crupi, titolare delle indagini, lo scorso 10 gennaio aveva chiesto, prima ancora che l’uomo confessasse la sua colpa, il rinvio a giudizio.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/11/2019

Ciriè: concessionaria abusiva in frazione Devesi. Multa da 10 mila euro al titolare. Auto sequestrate

L’autosalone era in attività ma dal punto di vista amministrativo non esisteva. Per questa ragione gli […]

leggi tutto...

21/11/2019

Favria: l’addio all’alpino “Meo” Castello spentosi all’età di 82 anni. Il ricordo di Giorgio Cortese

Si è spento all’età di 82 anni Marco Bartolomeo Castello (Meo). Cavaliere del lavoro, membro del […]

leggi tutto...

21/11/2019

Ivrea, ragazzo minorenne esce dalla casa della nonna e sale sul treno. Trovato dalla Polfer a Torino

Era stato fermato dal personale ferroviario perché sprovvisto del biglietto e del permesso di soggiorno. Un […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy