Ivrea, “In me non c’è che futuro”: grazie alle “Spille d’oro” rivive lo spirito di Adriano Olivetti

Ivrea

/

09/11/2017

CONDIVIDI

L'intento dei promotori dell'incontro è quello di trasmettere ai giovani il germe della filosofia di un imprenditore illuminato che trasformò Ivrea in una città tecnologica all'avanguardia nel mondo

Sabato 11 novembre sarà un giorno speciale per Ivrea: le Spille d’Oro Olivetti, come già accaduto di recente a Torino organizzano un convegno ad Ivrea , con la partecipazione di Hever Edizioni sabato 11 novembre presso il Polo Universitario Officina H, in Via Montenavale 1. L’incontro che ha come tema una felissima frase pronunciata da Adriano Olivetti “In me non c’è che futuro…” ha l’obiettivo di far rivivere lo spirito olivettiano che i promotori vorrebbero far conmoscere agli studenti eporediesi nel guardare al prossimo futuro.

Ad aprire i lavori sarà il filosofo olivettiano Emilio Renzi; seguirà una prima parte in cui le varie realtà associative olivettiane si presenteranno e illustreranno le loro finalità e attività. Poi seguiranno interventi che copriranno l’area del Personale, della Comunicazione Aziendale, della proiezione nel mondo commerciale dell’immagine e dei valori olivettiani, della cultura nell’arte dell’architettura olivettiana. A ritmare i tempi del convegno saranno i filmati realizzati e prodotti dagli studenti del liceo “Gramsci” di Ivrea che hanno quale filo conduttore la realtà olivettiana di Ivrea: saranno io ragazzi ad ilustrare i filmati insieme ad una delle loro insegnanti. Il convegno, che si aprirà alle 10.30, prevede anche una visita alle architetture olivettiane del Maam e al museo Tecnologicamente.

Al termine della mattinata verrà presentato da Hever Edizioni il libro di Giuseppe Silmo dal titolo “Olivetti. Una storia breve” che completa idealmente questo convegno. Un volume che contiene i germi di quel futuro che le Spille d’oro olivettiane vorrebbero trasmettere alle nuove generazioni e al territorio perché è qui, nell’anfiteatro morenico che la genialità di Adriano Olivetti, ha avuto modo di esprimersi appieno creando un Canavese davvero proiettato nel futuro.

Questa è stata la grande eredità che Adriano Olivetti ha lasciato e che nessuno, finora, è stato in grado di raccogliere. Di certo è che la grandezza di certi uomini sta nel saper cogliere i segni dei tempi e creare grandi occasioni di sviluppo e non di speculazione.

Dov'è successo?

Leggi anche

26/02/2020

Casa in fiamme in frazione Pasquaro di Rivarolo: i pompieri salvano anziana di 80 anni e 25 animali

Le fiamme si sono sviluppate rapide e hanno avvolto in pochi istati la cucina di un’abitazione […]

leggi tutto...

26/02/2020

Coronavirus: in Piemonte situazione stabile. Tre nuovi laboratori per l’esame del tampone

Venerdì 28 febbraio la Giunta Regionale deciderà se prorogare o meno le mosire restrittive finalizzate al […]

leggi tutto...

25/02/2020

Coronavirus, il presidente della Regione Cirio: “Non chiuderemo i negozi che soffrono già abbastanza”

Il presidente della Regione Alberto Cirio ha chiesto al presidente del Consiglio Conte di attivare da […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy