Ivrea, lo Stato deve alla Manital 17 milioni di euro. L’assessore Elena Chiorino scrive a Luigi Di Maio

01/08/2019

CONDIVIDI

I dipendenti attendono da tempo lo stipendio. Le difficoltà aziendali, che dipendono dalla pubblica amministrazione, coinvolgono circa 10 mila persone. L'assessore regionale invita i Ministeri ad onorare i loro debiti

L’assessore al Lavoro della Regione, Elena Chiorino, dopo aver acquisito nuovi elementi sul caso Manital, ha scritto una lettera aperta al ministro allo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, di cui si riporta di seguito il testo:

“Caro Ministro Di Maio, le scrivo questa lettera aperta per metterla al corrente degli ultimi aggiornamenti sul caso Manital. Come Lei saprà (o dovrebbe sapere), ci sono circa 10mila famiglie, in Italia, che attendono il pagamento di stipendi arretrati da parte del Consorzio con sede ad Ivrea.
Saprà (o dovrebbe sapere) anche che gran parte delle commesse di Manital derivano dalla Pubblica amministrazione. Per questo, proprio ieri, ho chiesto agli Enti pubblici piemontesi che lavorano con Manital di provvedere direttamente al pagamento in surroga a favore dei lavoratori.

Un provvedimento forte, ma necessario per venire incontro alle richieste dei 1.500 lavoratori piemontesi in difficoltà. Negli incontri con l’azienda siamo stati incredibilmente informati che le difficoltà deriverebbero dai gravi ritardi dei pagamenti dei Ministeri dello Stato.
I dati forniti dall’azienda lasciamo increduli, generando, se confermati, indignazione, soprattutto in relazione ai gravi ritardi nei pagamenti da parte dei Ministeri. L’insoluto totale nei confronti dei Ministeri risulterebbe superiore ai 17 milioni di euro, di cui più di 11 soltanto a carico del Miur.

La Regione Piemonte ha fatto facendo quanto nelle sue facoltà, utilizzando tutti gli strumenti a disposizione. Per questo, con la presente, Le chiedo cortesemente di sollecitare con la massima urgenza i suoi colleghi Ministri a saldare immediatamente i loro debiti con la società di Ivrea, per sbloccare la situazione. L’alternativa è continuare a voltare la testa altrove per scoprire che sarebbe stato sufficiente chiedere ai suoi colleghi di onorare tempestivamente i loro debiti. La prego altresì di ricordare ai suoi colleghi Ministri che per eseguire un bonifico, oggi come oggi, basta un click. Quel click garantirebbe la serenità a 10.000 persone.

Sono fiduciosa che, appresa questa notizia e apprezzatane la gravità, Lei riuscirà, in tempi rapidissimi, a risolvere la situazione e a far sì che gli arretrati dei Ministeri nei confronti di Manital vengano subito saldati, a vantaggio soprattutto dei lavoratori che, anche Lei, sostiene quotidianamente di voler tutelare. Attendo sollecito riscontro”.

Leggi anche

03/07/2020

Epidemia, Rivarolo è una città Covid-free. Dall’inizio dell’epidemia, oggi nessun contagio

Rivarolo Canavese è Covid-free: a darne l’annuncio con evidente soddisfazione è il sindaco Alberto Rostagno sulla […]

leggi tutto...

03/07/2020

San Benigno: travolto da un muletto in azienda, si frattura le caviglie. Operaio 42enne al Cto di Torino

E’ ricoverato in ospedale a Torino l’operaio vittima, l’altro giorno, di un incidente sul lavoro a […]

leggi tutto...

03/07/2020

Il Rotary Club Cuognè e Canavese in prima linea nell’aiutare chi è stato colpito dalla crisi Covid

In un periodo molto difficile, di isolamento imposto, per far fronte alla pandemia del Covid 19, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy