Ivrea, le Fiamme Gialle denunciano falso odontoiatra per esercizio abusivo della professione medica

Ivrea

/

02/03/2016

CONDIVIDI

Gli agenti della Guardia di Finanza della Compagnia di Ivrea hanno sequestrato studio e apparecchiature. L'uomo aveva clienti in tutto il Canavese

Una buona clientela, uno studio avviato allestito all’interno della propria abitazione. Tutto sembrava andare per il meglio a G.R., 50 anni, residente a Ivrea. La sua reputazione di odontoiatra era quanto meno solida. Peccato, però, che l’uomo non fosse in possesso né dei titoli e né delle necessarie autorizzazioni per esercitare la professione. Da qui la denuncia alla procura della Repubblica di Ivrea per esercizio abusivo della professione medica e per l’utilizzo di apparecchiature radioattive (usate per le panoramiche dentarie) non autorizzate. Gli agenti della Guardia di Finanza della Compagnia di Ivrea, stavano indagando da tempo sull’attività del sedicente odontoiatra. Al momento opportuno hanno fatto irruzione nello studio, cogliendo G.R. in flagranza di reato mentre stava prestando cure dentistiche a un paziente e mentre nella sala d’attesa si trovavano diversi pazienti.

I finanzieri, nel corso dell’operazione, hanno proceduto al sequestro dei locali che il falso odontoiatra aveva destinato ad ambulatorio, l’apparecchio utilizzato per effettuare le radiografie e i timbri utilizzati per le prescrizioni sanitarie. Gli agenti della Guardia di Finanza hanno altresì accertato che l’assistente alla poltrona che collaborava con l’uomo non era abilitava all’esercizio della professione. Le indagini proseguono: l’obiettivo adesso è quello di quantificare l’entità dei proventi derivanti dalla professione medica abusiva. Da un primo accertamento pare che numerosi clienti provenienti da tutto il Canavese. L’operazione eseguita dalle Fiamme Gialle rientra nel contesto dell’attività costantemente volta al contrasto e repressione dell’esercizio abusivo della professione medico-sanitarie per salvaguardare la salute pubblica.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/01/2018

Leinì, donna entra al Pam e ruba cinque bottiglie di champagne. Invece di fare festa è finita in carcere

E’ entrata nel centro commerciale Pam di Leinì già con l’intenzione di rubare quelle cinque bottiglie […]

leggi tutto...

16/01/2018

Favria, rivoluzione in Comune. Parte l’informatizzazione degli uffici. Investiti 59mila euro

Il Comune di Favria ha avviato un progetto di informatizzazione degli uffici comunali che andrà avanti […]

leggi tutto...

16/01/2018

Ivrea, i teppisti riempiono di schiuma le auto in sosta. La Lega Nord: “In città troppi atti vandalici”

Troppi atti vandalici in città e la Lega Nord Canavese ritiene che sia ora di porre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy