Ivrea: la ripresa passa anche dalla cultura. Da stasera in scena il grande teatro

Ivrea

/

20/08/2015

CONDIVIDI

Dopo lo spettacolo riscosso dal ciclo di proiezioni cinematografiche all'aperto, tocca alla rassegna teatrale di qualità

E’ anche attraverso la cultura che Ivrea cerca di uscire dal buio tunnel creato dal decadimento dovuto al progressivo smantellamento dell’Olivetti, ovvero dell’azienda che, per decenni, ha rappresentato il “cuore pulsante” del sistema economico e culturale dell’intero Canavese.

Le proiezioni cinematografiche di alto livello, che hanno riscosso un buon successo nel corso della rassegna “Ivrea Estate”, lasciano il posto al grande teatro. Questa sera, giovedì 20 agosto, nella suggestiva cornice del cortile del Castello dale Rosse Torri (che ospita i tre spettacoli previsti dal cartellone), andrà in scena alle 21,30 lo spettacolo dal titolo “Viva la vida!”. Attraverso le toccanti parole scritte da Pino Cacucci e l’intensa interpretazione dell’attrice Annapaola Bardeloni, si snoda la vita di Frida Khalo, un’esistenza caratterizzata da una grande e irriducibile forza d’animo, dalla una garnde passione e da un incredibile coraggio. In caso di maltempo lo spettacolo andrà in scena all’Anfiteatro di Montalto Dora.

Giovedì 27 agosto sarà la volta della Compagnia Teatrale “I senza rete” che presentano la messa in scena di “Maiden Voyage. Incontri ravvicinati di Carboneria Letteraria”. Uno spettacolo inedito anche dal punto di vista del coinvolgimento del pubblico che, suddiviso in gruppi, avrà modo di ascoltare e “ vivere” le storie dei diversi personaggi che animano la trama. (In caso di maltempo l0 spettacolo andrà in scena bella Sala Santa Marta di Ivrea).

Chiuderà la rassegna, sabato 29 agosto, il gruppo “I Redwine” che ha allestito uno spettacolo teatrale decisamente originale dal titolo “Controvento”. Interpretato da Nicola De Stefano, Lorenzo Pallante, Stefano Benedetto, Francesco Quesada, Davide Molino, Riccardo Ribotta e Veronica Penna, lo spettacolo si snoda al confine tra teatro e musica. La messa in scena è stata ideate in occasione dell’uscita del secondo album della conosciuta folk-band canavesana. Il denominatore comune che collega i vari personaggi, è costituito dalla musica di Luca Vincent Pecora e dalla voce di Lucia Gravante. La trama dello spettacolo si basa sulle coinvolgenti e intense storie di migranti e pescatori, di inviati di guerra e di imprenditori illuminati. L’ingresso è libero.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/02/2018

Caselle, torna il parcheggio a pagamento. Adesso si potranno usare bancomat e carta di credito

A Caselle, dopo mesi di parcheggio libero e a volte caotico, tornano le strisce blu: dal […]

leggi tutto...

22/02/2018

Salerano: Ottino si dimette da sindaco, il prefetto scioglie il consiglio e commissaria il comune

Lascia l’Italia per raggiungere la famiglia in Portogallo e Salerano, comune di poco più di 500 […]

leggi tutto...

22/02/2018

Borgaro: i vandali danneggiano il monumento del Grande Torino. Ed è polemica

Non c’è limite all’imbecillità e non c’è limite alla mancanza di rispetto per la memoria dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy