Ivrea, la Lega Nord all’attacco: “I migranti che molestano gli automobilisti siano rispediti a casa”

Ivrea

/

26/10/2016

CONDIVIDI

Il Carroccio canavesano denuncia una situazione divenuta ormai quasi insopportabile e che crea non pochi problemi all'ordine pubblico

Ci sono profughi ospitati in Canavese che molestano e taglieggiano gli automobilisti in cerca di parcheggio? Non serve a nulla denunciarli o arrestarli. L’unica soluzione, da adottare per chi non rispetta la legge, è quella di essere rimandato a casa propria. A sostenere questa tesi, che già nel passato ha creato accese discussioni in ambito locale e nazionale, è la Lega Nord Canavese che, in riferimento all’episodio relativo al parcheggiatore abusivo di origine nigeriana che nella mattinata di lunedì scorso in piazza Freguglia a Ivrea ha molestato una donna, ritiene opportuno esprimere la propria opinione.

“E’ una vicenda suscita sdegno e alimenta le polemiche riguardo alle politiche sull’immigrazione del Governo. Non servono le denunce e gli arresti, se tanto dopo poche ore i finti profughi sono di nuovo liberi – dichiara il segretario provinciale del Carroccio Cesare Pianasso -. C’è una sola soluzione: rispedirli a casa. E subito. La Lega si schiera fermamente una volta di più contro l’ipocrita e falso-buonista politica di una certa sinistra che favorisce questa invasione di clandestini, a scapito degli italiani, che oltre a doverne pagare lo scotto economicamente, vedono i Comuni e le città diventare sempre meno sicure”.

Che il numero dei parcheggiatori abusivi nei centri urbani canavesani sia in continuo aumento è un fatto incontestabile. Un fenomeno che la Lega definisce preoccupante. “Da anni la Lega Nord di Ivrea denuncia le continue interferenze da parte dei parcheggiatori abusivi nei confronti degli automobilisti, ma anche dei passanti – afferma Barbara Cicala, segretaria della sezione di Ivrea della Lega Nord -.  Dalle continue richieste di soldi, agli insulti, alle minacce, agli anatemi, sfociati in qualche caso in risse fra gli automobilisti e i parcheggiatori abusivi. Fino ad arrivare appunto alle molestie”.

Una situazione di degrado ben conosciuta dall’Amministrazione, spiegano gli esponenti del Carroccio canavesano, che non avrebbe fatto nulla, finora, per porre rimedio. “Da tempo la Lega Nord ha documentato con interrogazioni, fotografie, filmati, proteste ed azioni di volantinaggio che cosa accade al Sirio e negli altri parcheggi eporediesi – incalza la segretaria cittadina -. E’ tra l’altro ormai palese che si è creata una divisione su base etnica dei parcheggi tra nordafricani, rom e centrafricani”.

“Cosa possiamo aggiungere di più, dopo la notizia di una denuncia per molestie in pieno giorno da parte di una donna? – si chiede il segretario della Circoscrizione di Ivrea, Giuliano Balzola -. Intanto chiediamo l’immediata espulsione dal territorio nazionale del finto profugo, personaggio già noto alle forze dell’ordine. Chiediamo inoltre che questo sconsiderato flusso continuo di clandestini nel nostro territorio cessi immediatamente: Ivrea e l’eporediese hanno già dato troppo e stanno pagando oltremisura la situazione. Confermiamo la nostra idea: la città è guidata in maniera incompetente. Confidiamo che il sindaco confermi le sue dimissioni e si tolga dai piedi, lasciando spazio a chi ha il polso per gestire questa situazione”.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/09/2019

Previsioni meteo: addio estate. Da mercoledì in arrivo forti temporali in Piemonte e Canavese

Queste le previsioni metereologiche di martedì 17 settembre: AL NORD Condizioni di tempo generalmente stabile al […]

leggi tutto...

16/09/2019

Ciclista di Borgaro muore mentre pedala nei campi di Ciriè. 50enne stroncato da un malore

Stava tranquillamente pedalando in sella alla sua mountain bike nelle campagne della periferia di Ciriè quando […]

leggi tutto...

16/09/2019

Valperga: all’Istituto comprensivo 3 alunni non entrano in aula. Non erano in regola con i vaccini

Prima i tre bambini di Ivrea che non hanno potuto fare il loro ingresso nella scuola […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy