Ivrea, la Core Informatica festeggia 20 anni di attività esportando all’estero la genialità canavesana

Ivrea

/

22/05/2017

CONDIVIDI

Con un fatturato di oltre 25 milioni di euro, circa 250 addetti, un portfolio di oltre 200 clienti, la società è specializzata nella fornitura, nella gestione delle infrastrutture IT e nei servizi di assistenza ed help desk

Il 2017 segna un traguardo importante, 20 anni di attività, per la Core Informatica, l’azienda con sede a Ivrea fondata nel 1997 da Sandro Iacarella e Stefano Sgrelli e oggi formata da una compagine societaria di sei soci privati, molti dei quali lavorano all’interno dell’azienda in ruoli di responsabilità. Con un fatturato di oltre 25M milioni di euro, circa 250 addetti, un portfolio di oltre 200 clienti tra settore privato, pubblico e assicurativo e una rete di presidi sul territorio italiano (oltre a Ivrea, Pont Saint Martin, Milano, Padova e Trieste) la società è specializzata nella fornitura, nella gestione delle infrastrutture IT e nei servizi di assistenza ed help desk, garantendo la piena efficienza di sistemi informatici di medie o grandi dimensioni.

Molti cambiamenti di scenario e di mercato sono avvenuti dal lontano gennaio del 1997 quando i due lungimiranti soci fondatori trovarono il capitale per iniziare la loro nuova avventura. Si era nei difficili anni “post Olivetti”, 100.000 erano gli utenti di internet nel mondo (oggi sono più di 3 miliardi), non esisteva ancora la parola WiFi, Ipod, WhatsApp, Facebook erano ancora inesistenti. Core Informatica si pone sul mercato offrendo consulenza e docenza ICT e anno dopo anno, tassello dopo tassello, si specializza sempre più offrendo vendita prodotti, assistenza tecnica, help desk, servizi multicanale fino all’offerta attuale che propone numerosi servizi ad alta specializzazione in tutte le principali lingue europee attivi 24 ore su 24.

L’azienda si è caratterizzata per la capacità di seguire le rapide e tumultuose evoluzioni del mercato informatico, reggendo e superando gli anni di crisi del settore e del mercato in generale. Importante e forte la scelta, non sempre semplice, di restare in Italia. Il tutto reso possibile da una grande tenacia affiancata da un’oculata gestione dei costi, strategie di espansione e acquisizioni di nuove commesse e clienti.

Qualità, competenza, disponibilità e presenza sono le parole chiave per Core Informatica. Continui percorsi interni di formazione e certificazione permettono di offrire servizi e prodotti sempre aggiornati. L’ascolto delle esigenze e la disponibilità nella risoluzione dei problemi con anche una presenza presso il cliente oltre al remoto permette a chi si affida a Core di sentirsi seguito e capito.  Un codice etico, il massimo punteggio di rating di legalità, una particolare attenzione alla sicurezza grazie a un proprio sistema di controllo e, non ultima, una particolare tutela dell’ambiente sono indici dell’impegno che l’azienda mette nei confronti di chi sceglie Core, e di chi ci lavora.

Ed è proprio con queste persone che il 27 maggio la Core Informatica desidera festeggiare il proprio compleanno. Persone che animano ogni giorno l’azienda, ne forniscono l’energia per superare tutti gli ostacoli e raggiungere nuovi obiettivi: i tecnici, gli impiegati, i manager ma anche i Clienti e i fornitori. Il 27 maggio verrà celebrato questo lungo percorso all’interno della splendida cornice del Castello e Parco di Masino, bene del Fai a Caravino. Una grande festa.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

Ivrea

/

15/12/2017

Ivrea: un guasto tecnico blocca il servizio di emodinamica. I pazienti costretti a emigrare

Il gruppo di continuità che assicura l’erogazione di energia in caso di interruzione dell’erogazione di energia […]

leggi tutto...

San Giorgio Canavese

/

15/12/2017

San Giorgio: da lunedì 18 la Media ospiterà gli alunni della scuola chiusa per il monossido di carbonio

Da lunedì 18 dicembre gli scolari della scuola elementare di San Giorgio Canavese, potranno tornare a […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

15/12/2017

Cuorgnè: autobotti Smat prelevano dall’acquedotto per dissetare le Terre Alte in preda alla siccità

Il Canavese ha sete e da circa cinque mesi le autobotti della Smat prelevano l’acqua dall’acquedotto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy