Ivrea: il lungo abbraccio tra Gabriele e la madre Caterina. Attesa per il “faccia a faccia” con Obert

Ivrea

/

06/04/2016

CONDIVIDI

Gli esperti del Ris di Parma, avrebbero trovato interessanti reperti sull'auto usata per trasportare il cadavere di Gloria Rosboch

E’ stato un incontro fortuito, ma molto intenso. Questa mattina madre e figlio hanno incrociato il loro cammino in procura a Ivrea. Si sono abbracciati fortemente, dopo oltre quaranta giorni trascorsi in cella, con la pesante accusa di concorso nell’omicidio della professoressa di sostegno castellamontese Gloria Rosboch. Qualche parola scambiata nei pochi attimi in cui si sono abbracciati e poi Caterina Abbatista, madre di Gabriele Defilippi è stata condotta dagli agenti della polizia penitenziaria nell’ufficio del procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando, che l’attendeva per interrogarla mentre il figlio Gabriele ha assistito alle analisi del Ris.

La donna ha pianto lungamente nelle sei ore di interrogatorio che è avvenuto anche alla presenza del e colonnello dei carabinieri Domenico Mascoli, comandante provinciale dell’Arma. Caterina Abbatista avrebbe continuato ad asserire  la sua estraneità all’omicidio (Gabriele l’avrebbe più volte scagionata), ma non avrebbe saputo spiegare a inquirenti  investigatori perché il giorno dell’omicidio, avvenuto il 13 gennaio scorso, il suo telefono è stato agganciato dalla cella di un ripetitore di Montalenghe. Un dettaglio importante, emerso dalle accurate analisi compiute sui tabulati telefonici che smentirebbe quanto lei continua ad affermare: e cioè che quel giorno si trovava al lavoro, nel reparto di pediatria dell’ospedale di Ivrea, della quale è dipendente in qualità di Os.

Le domande degli inquirenti mirano a stabilire dove la donna si trovasse realmente, mentre Gloria Rosboch veniva soffocata e gettata nel pozzetto di decantazione del percolato dove è stata trovata un mese dopo grazie alle indicazioni fornite da Roberto Obert, 54 anni, di Forno Canavese, accusato di concorso in omicidio, complice e amante di Gabriele oltre che amico di famiglia. Gli specialisti del Ris di Parma hanno compiuto, oggi, gli accertamenti irripetibili, disposte dal procuratore Giuseppe Ferrando, sulla Renault Twingo di Obert, l’auto che sarebbe stata usata per trasportare in cadavere dell’insegnata truffata di 187mila euro. Grande attesa, invece, per il “faccia a faccia” che avrà luogo in procura a Ivrea, nella mattinata di giovedì 13 aprile, tra Gabriele Defilippi e Roberto Obert. Ovviamente il verbale dell’interrogatorio è stato secretato e Caterina è ritornata nella sua cella al carcere “Le Vallette” di Torino.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/08/2019

Volpiano, a ottobre finalmente la gara d’acquisizione di Comital e Lamalù. Fine dell’incubo?

Il conto alla rovescia è già iniziato: tra 45 giorni si aprirà ufficialmente la gara per […]

leggi tutto...

19/08/2019

Chivasso: è tutto pronto per la fantasmagorica festa patronale del “Beato Angelo Carletti”

La Città di Chivasso si appresta a festeggiare il suo Santo Patrono Beato Angelo Carletti nel […]

leggi tutto...

19/08/2019

Cade dal sollevatore in casa di riposo durante uno spostamento. Grave una pensionata di 96 anni

E’ ancora ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Chivasso l’anziana di 96 anni vittima di un […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy