Ivrea, forza la porta di un alloggio e viene arrestato: “Ho un lavoro. Rubo per pagare il gioco d’azzardo”

06/09/2019

CONDIVIDI

L'uomo, un 65enne, è stato condotto in carcere anche per i precedenti reati compiuti contro il patrimonio. E' stato colto in flagrante mentre cercava di introdursi in un appartamento

I carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno tratto in arresto, in flagranza di reato un uomo di 65 anni, residente a Torino, coniugato, con plurimi precedenti, per reati contro il patrimonio. E’ accaduto tutto qualche giorno fa a Ivrea, all’ora di pranzo, quando un assistente capo della Polizia di Stato, nel far rientro a casa, libero dal servizio, ha sorpreso due individui, con al collo un cartellino plastificato “Cantieri Città di Torino”, intenti a forzare con delle chiavi e un palanchino la porta di ingresso di un appartamento dello stabile.

Dopo essersi qualificato, l’agente è stato spinto a terra dai due malviventi, prima della fuga. Nella circostanza, mentre uno dei due ladri è riuscito a dileguarsi per le scale, l’altro è stato bloccato bloccato dall’agente che ha poi richiesto l’ausilio dei militari dell’Arma.

L’immediato intervento dei carabinieri della Stazione di Ivrea ha consentito quindi di assicurare l’uomo alla giustizia, traendolo in arresto. Ai militari intervenuti il 65enne ha confidato successivamente la sua frustrazione, riferendo, pur a fronte di un’attività lavorativa quotidianamente espletata, di esser stato indotto a delinquere per placare il “vizio” del gioco d’azzardo.

L’Autorità giudiziaria, nel convalidare l’arresto, sulla scorta dei plurimi precedenti contro il patrimonio e alla luce degli elementi desumibili dalla personalità del soggetto, ha applicato nei suoi confronti la misura della custodia cautelare in carcere. (Immagine di repertorio)

Leggi anche

28/01/2020

Sicurezza: i comuni canavesani chiedono 18 milioni di euro. Ne arrivano 400 mila ad Agliè

Quattrocentomila euro dal ministero dell’Interno. Esulta Marco Succio, sindaco di Agliè perché con quei fondi potrà […]

leggi tutto...

28/01/2020

Caselle ricorda con commozione i cinque patrioti assassinati 75 anni fa dai repubblichini

Luigi Cafiero, Antonio Garbolino, Andrea Mensa, Adolfo Praiotto e Mario Tamietti: questi i nomi dei cinque […]

leggi tutto...

28/01/2020

Ciriè: in casa attrezzi per l’edilizia, il giardinaggio e vini pregiati. 42enne denunciato per ricettazione

Denunciato dai carabinieri un imbianchino con l’accusa di ricettazione. Gli uomini dell’Arma hanno rivenuto nel corso […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy