Ivrea, detenuto distrugge la cella nella quale è rinchiuso. E’ di nuovo caos all’interno del carcere

Ivrea

/

25/08/2017

CONDIVIDI

L'episodio riaccende i riflettori della cronaca sulla struttura carceraria eporediese, già oggetto di un'inchiesta della procura. Il segretario generale dell'Osapp: "Quel carcere è una polveriera"

Ha letteralmente distrutto la cella del reparto transito nella quale era rinchiuso, sfondando la parete che divide la cella dal bagno e smantellando ogni suppellettile. E’ accaduto alle 16,30 di mercoledì 23 agosto nel carcere di Ivrea. Un detenuto italiano, in transito presso la casa circondariale, era stato escluso , come sottolinea l’Osapp il sindacato autonomo degli agenti di polizia penitenziaria, dalle attività in comune con gli altri detenuti. Dopo alcune ore di trattative il detenuto è sceso a più miti consigli. L’episodio ha riacceso i riflettori della cronaca sul carcere di Ivrea che è già oggetto di un’indagine condotta dalla procura eporediese.

Il segretario generale dell’Osapp Leo Beneduci non usa mezzi termini quando parla della struttura penitenziaria eporediese: “Purtroppo il carcere di Ivrea è una vera e propria polveriera e episodi consimili sono quasi all’ordine del giorno tant’è che anche a seguito di un recente intervento dell’autorità giudiziaria. Per tale Istituto, la nostra Organizzazione Sindacale, a tutela sia del personale e sia dei ristretti, ha richiesto a viva voce che ogni intervento effettuato mediante l’uso della forza fisica, secondo le previsioni di Legge, venisse contemporaneamente ripreso mediante apparecchiature per la videoregistrazione; purtroppo nessuno dell’Amministrazione Penitenziaria ha ad oggi posseduto una consapevolezza tale del grave problema da rispondere alla nostra richiesta».
E non è tutto: “D’altra parte siamo anche certi che i gravi danni inflitti alla cella di detenzione da parte del detenuto non graveranno in alcun modo sul patrimonio dello stesso in quanto è d’uso dell’Amministrazione Penitenziaria porre le spese per le riparazioni a carico dei contribuenti e non di chi se n’è reso responsabile – conclude Leo Beneduci -. Nel contempo rinnoviamo la richiesta ai partiti politici e agli organi parlamentari per l’istituzione di una commissione di inchiesta sullo stato del sistema penitenziario Italiano e sulle drammatiche condizioni di lavoro del Personale di Polizia Penitenziaria”.

Dov'è successo?

Leggi anche

14/10/2019

I tifosi “granata” del Canavese ricordano la morte, avvenuta 52 anni fa, del campione Gigi Meroni

Non c’è tifoso “granata” che non conservi nel cuore il ricordo di Gigi Meroni che 52 […]

leggi tutto...

14/10/2019

Ivrea in lutto piange la scomparsa di Bianca, la sorella dell’eroico partigiano Gino Pistoni

È morta Bianca Pistoni, sorella del partigiano Gino Pistone. A darne l’annuncio è stato il Gruppo […]

leggi tutto...

14/10/2019

Feletto: è tornata a casa nel pomeriggio la donna che si era allontanata da casa in mattinata

E’ tornata a casa nel tardo pomeriggio di oggi, lunedì 14 ottobre, la pensionata di 72 […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy