Ivrea: condannato a 6 mesi per aver consumato 4mila euro di energia con un allacciamento abusivo

12/04/2018

CONDIVIDI

L'utenza era cessata nel 2011 ma per tre anni è stata consumata energia elettrica per 4mila euro

Condannato a sei mesi di reclusione e a pagare 300 euro di multa per aver rubato energia elettrica per un importo complessivo di 4mila euro: la sentenza è stata pronunciata la scorsa settimana dal giudice del tribunale di Ivrea. I fatti contestati all’imputato residente a Ivrea risalgono a quattro anni fa: in aula ha testimoniato un tecnico dipendente dell’Enel che aveva effettuato nel 2014 i controlli su una forniture che risultava cessata nel 2011.

In buona sostanza il testimone ha confermato che il contatore dell’energia elettrica era stato manomesso ed era in funzione da ben tre anni grazie ad un allacciamento abusiva. L’importo fatturabile è di 4mila euro. In tribunale hanno testimoniato un vicino di casa e il figlio dell’imputato che hanno dichiarato che di fatto l’uomo non risiedeva in quell’alloggio. Tesi confermata dall’imputato che, nel rendere alcune dichiarazioni spontanee, ha rimarcato di non essere al corrente dell’allacciamento abusivo. Le testimonianze non hanno convinto il giudice che ha deciso per la condanna al termine del processo penale.

Dov'è successo?

Leggi anche

Canavese

/

20/03/2019

Automotive, il presidente della Regione Chiamparino: “Sì al tavolo di confronto permanente”

“Penso che sarebbe estremamente utile se si riuscisse a costituire una sorta di tavolo regionale permanente […]

leggi tutto...

Quassolo

/

20/03/2019

Quassolo: grave incidente sulla Torino-Aosta. Due auto nella scarpata. In ospedale i conducenti

Schianto tra vetture sull’autostrada A5 Torino-Aosta: l’incidente stradale ha avuto luogo nel pomeriggio di oggi, mercoledì […]

leggi tutto...

Caselle

/

20/03/2019

Aeroporto di Caselle: la Compagnia Wizz Air punta su Torino e istituisce il volo per Cracovia

Un nuovo volo per la Polonia nel network dell’Aeroporto di Torino in livrea Wizz Air. La […]

leggi tutto...