Ivrea, alla sbarra un calciatore dilettante accusato di aver colpito un avversario

Ivrea

/

13/10/2015

CONDIVIDI

E' accaduto tre anni fa. Il difensore del Volpiano colpisce alla nuca l'attaccante del Locana che rischia la paralisi

Luglio 2012: è in corso la partita di calcio valevole per il campionato Csi tra il Volpiano e il Locana. Un match così combattuto che uno degli attaccanti del Locana, Pierdomenico Rossio, 49 anni, dopo aver siglato quattro reti, viene colpito alla nuca da una gomitata, sferrata a quanto pare da Pierluigi Campo, 45 anni, residente a Chivasso che milita nel Volpiano. Rossio finisce in ospedale e rischia la paralisi. Dopo tre anni è iniziato in tribunale a Ivrea, il processo a carico del difensore Pierluigi Campo accusato dalla procura di lesioni personali gravi ai danni di Rossio.

In aula sono sfilati i testimoni chiamati dalla difesa con l’intento di ricostruire nei dettagli la presunta aggressione. Incalzati dalle domande del pubblico ministero, del giudice e degli avvocati difensori di Lo Campo, i giocatori hanno rivissuto la partita fino al momento in cui Pierdomenico Rossio è crollato sul campo. I fatti: il Locana, in quella partita dà il meglio di sè, tanto da segnare sei goal mentre il Volpiano è in affanno e non riesce neanche a segnare la rete della bandiera. L’attaccante del Volpiano sembra inarrestabile: quattro di quelle reti sono sue. Poi ad un tratto arriva la forte gomitata di Pierluigi Campo, il chivassese che, per tutta la partita ha marcato, inutilmente l’avversario. Rossio cade sul terreno erboso: i testimoni dell’accusa sostengono che stava male e non si reggeva sulle gambe. Lo sostengono i testimoni dell’accusa. Il pm chiede se la partita era stata particolarmente aggressiva.

I testimoni della difesa negano e affermano che, come di consueto, dopo la partita era in programma l’immancabile pizza. In ogni caso l’attaccante del Locana rimane a terra, assistito dai giocatori. Arriva l’ambulanza e lo porta in ospedale. L’attaccante sostiene che per un anno non ha più potuto lavorare e ancora adesso i suoi movimenti sarebbero limitati. L’uomo è rappresentato dall’avvocato Manuel Peretti. L’udienza è stata aggiornata il prossimo 9 novembre.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/10/2019

San Maurizio Canavese: dal 21 ottobre, attivi i nuovi “velox” che puniranno gli automobilisti da Formula 1

Da oggi, lunedì 21 ottobre, gli automobilisti che percorreranno le strade di San Maurizio Canavese, dovranno […]

leggi tutto...

21/10/2019

Rivarolo: spettacolare presentazione per la Bocciofila Sangiorgese firmata da Frank Mautino

Questa volta Frank Mautino ha fatto le cose in grande in occasione della ptesentazione ufficiale dei […]

leggi tutto...

21/10/2019

Aeroporto di Caselle: Volotea inaugura le nuove rotte. Più vicine Grecia e Calabria

Volotea, la compagnia aerea che collega città di medie e piccole dimensioni in Europa, ha annunciato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy