Ivrea: aggredì un giovane con i cocci di una bottiglia. Eporediese condannato a sette anni di reclusione

Ivrea

/

02/07/2016

CONDIVIDI

Il giudice ha accolto le richieste dell'accusa. Non è ancora chiaro il motivo del tentato omicidio

E’ stato condannato a sette anni di reclusione per tentato omicidio e per resistenza a pubblico ufficiale. Sette anni che Giovanni Merola, 48 anni, residente a Ivrea, dovrà scontare per aver aggredito, il primo dicembre 2015, Ben Aziza Hamadi, 22 anni, un giovane di origine tunisina.

Neanche durante il procedimento penale si è ben compreso perché Merola abbia aggredito con brandendo i cocci di una bottiglia al Movicentro di Ivrea. Il tunisino al processo si è costituito parte civile. Stando alla deposizione resa dagli agenti della polizia ferroviaria intervenuti sul luogo dell’aggressione, Giovanni Merola si sarebbe rifiutato di farsi identificare cercando di colpire anche gli agenti di polizia.

Il giudice del tribunale di Ivrea Elena Stoppini ha accolto le richieste dalla pubblica accusa. La difesa aveva invece chiesto l’assoluzione del proprio assistito.

Dov'è successo?

Leggi anche

03/08/2020

Coronavirus, la Regione Piemonte non è in grado di eliminare il distanziamento a bordo dei mezzi pubblici

La Regione Piemonte non è nelle condizioni di eliminare il distanziamento a bordo dei mezzi pubblici […]

leggi tutto...

03/08/2020

Coronavirus in Piemonte: due i deceduti. 13 contagiati in più rispetto a ieri. Oggi 9 guariti

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che, alle 16,30 di oggi, lunedì 3 agosto, i […]

leggi tutto...

03/08/2020

Ciriè: un uomo di 57anni scompare da casa. Ricerche in corso. L’appello della famiglia

Si è allontanato da casa a Ciriè nella serata di giovedì 30 luglio e da allora […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy