Ingria: sfida all’ultimo metro tra le auto senza motore. Il 5 giugno è di scena il Gran Premio

Ingria

/

24/05/2016

CONDIVIDI

L'inedita manifestazione lo scorso anno ha riscosso un grande e inaspettato successo. E poi spazio al pranzo montano

Le vetture sono artigianali, costruite in casa. Belle, aerodinamiche, ma senza motore. L’unica forza motrice è quella della pendenza costituita dalle strade in discesa. Il piccolo e incantevole comune di Ingria si prepara ad ospitare la manifestazione denominata “Ingria Drift”, giunta quest’anno alla seconda edizione dopo il successo riscosso lo scorso anno. Domenica 5 giugno saranno una cinquantina i “piloti” che percorreranno a grande velocità, a bordo della rudimentali automobili, la strada, tutta in discesa, che collega la frazione Pasturera al capoluogo.

Un percorso di oltre un chilometro e mezzo caratterizzato da un dislivello di circa 200 metri. Che dire? Bisogna essere muniti di coraggio, spirito d’avventura e un pizzico di sana incoscienza. L’obiettivo è quello di trascorrere una domenica in compagnia all’insegna del divertimento originale, inconsueto, quello che è decisamente al di fuori di ogni canone. Il programma della manifestazione prevede il pranzo con menù tipico montano che sarà servito all’ombra del padiglione eno-gastronomico allestito dall’attiva Pro loco di Ingria.

Gli organizzatori dell’evento consigliano di prenotare qualche giorno prima. E non è tutto: è stata prevista la presenza di un mini treno sul quale adulti e bambini potranno salire per raggiungere il percorso dove si svolgerà la corsa sportiva. Questo il programma:

ore 08,00: Ritrovo e iscrizioni.

Ore 9,30: Prove libere.

Ore 11,00 Prima manche.

Ore 13,00: Pranzo.

Ore 15,00: Seconda manche.

Ore 17,30: Premiazioni.

Per consultare il regolamento consultare la pagina facebook.com/ingriadrift o la pagina turismo.cultura@comune .ingria.to.gov.it o telefonare ad Andrea al numero 328.878.02.16 o a Luciano: 334.886.84.05

La manifestazione è patrocinata dal comune di Ingria mentre ad organizzare è la Pro loco.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/10/2019

Pont Canavese: riprendono le ricerche per risolvere il “giallo” della scomparsa di Elisa Gualandi

Svanita nel nulla: il “giallo” che circonda la scomparsa di Elisa Gualandi, 54 anni, impiegata al […]

leggi tutto...

18/10/2019

Piemonte e Canavese: 35 milioni dal ministero dell’Ambiente contro il rischio idrogeologico

Sono quasi 35 i milioni di euro assegnati dal Ministero dell’Ambiente al Piemonte per la mitigazione […]

leggi tutto...

18/10/2019

Il Canavese al Rallylegend di S. Marino: l’equipaggio Diaco-Sparvieri conquista il 3° posto di classe

Successo canavesano al Rallylegend di San Marino. L’equipaggio canavesano Diaco-Sparvieri, firmato Team Fast Drivers, ha conseguito […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy