Incendi in Valle Orco: a Locana situazione ingovernabile. Il sindaco: “Intervengano i Canadair”

Locana

/

27/10/2017

CONDIVIDI

Il sindaco ha chiesto lo stato di calamità naturale. La situazione sfugge al controllo. Le fiamme hanno quasi raggiunto le case delle borgate e l'ex statale 460. Volontari con autobotti agricole affiancano vigili del fuoco e volontari Aib

Un autentico inferno dove le fiamme stanno lambendo le prime case: è allarme rosso a Locana in Valle Orco dove gl’incendi si spingono sempre più in alto, verso il Parco nazionale del Gran Paradiso: il sindaco Bruno Mattiet ha chiesto il riconoscimento dello stato di calamità naturale e l’intervento dei Canadair. La situazione, spiega il sindaco in un comunicato stampa pubblicato sul sito web del Comune, è ingovernabile.

“Nelle giornate di mercoledì 24 e giovedì 25 ottobre, due elicotteri, uno proveniente dalla Val d’Ossola e uno di Air Green, hanno continuato per le intere giornate dalle ore 8 fino alle ore 18 con lanci mirati sopra le fiamme per domare l’incendio raggiungendo circa 200 lanci giornalieri – si spiega nel comunicato -. Verso valle il fuoco ha ormai raggiunto le abitazioni delle frazioni Bosco, Bardonetto, Carlevria, Gascheria, Boschietto, fino a lambire il capoluogo ed in particolare raggiungendo la strada provinciale 460, con punti sensibili a ridosso della centrale di Iren Energia a Bardonetto e del Santuario della Madonna delle Grazie al Gurgo. Sul versante a monte degli abitati, invece ha ormai raggiunto il territorio del Parco Nazionale Gran Paradiso sopra alle frazioni di Montepiano e Barelli”. Il Comune ha chiesto la necessità di intervento, oltre ai Vigili del Fuoco e AIB presenti, a volontari con autobotti agricole, al fine di avere maggiore disponibilità di acqua e soprattutto l’intervento intensivo di canadair.

Gli abitati sono stati costantemente presidiati dalle Squadre AIB delle Aree 31 – 32 – 33 – 36 – 911 – 912 coordinate dall’Ispettore Provinciale Goglio Pio Graziano e dal Vice Ispettore Scarafiotti Roberto e dal Comandante Distaccamento di Zona Trione Danilo e dai Vigili del Fuoco.

“Fino ad ora si è lavorato con molto impegno e professionalità, purtroppo senza domare l’incendio tanto che il suo fronte è sempre aumentato raggiungendo un’estensione di circa 8 chilometri e continua ad espandersi verso il Parco Nazionale del Gran Paradiso” conclude Bruno Mattiet. La speranza, non ancora sopita, è che il fronte delle fiamme, che trovano facile presa nella vegetazione rinsecchita dalla prolungata siccità, possa essere finalmente fermato.

Dov'è successo?

Leggi anche

18/10/2019

Pont Canavese: riprendono le ricerche per risolvere il “giallo” della scomparsa di Elisa Gualandi

Svanita nel nulla: il “giallo” che circonda la scomparsa di Elisa Gualandi, 54 anni, impiegata al […]

leggi tutto...

18/10/2019

Piemonte e Canavese: 35 milioni dal ministero dell’Ambiente contro il rischio idrogeologico

Sono quasi 35 i milioni di euro assegnati dal Ministero dell’Ambiente al Piemonte per la mitigazione […]

leggi tutto...

18/10/2019

Il Canavese al Rallylegend di S. Marino: l’equipaggio Diaco-Sparvieri conquista il 3° posto di classe

Successo canavesano al Rallylegend di San Marino. L’equipaggio canavesano Diaco-Sparvieri, firmato Team Fast Drivers, ha conseguito […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy