Imprenditore assolda due pregiudicati per esigere un credito inesistente di 100 mila euro. Tre gli arresti

Torino

/

28/04/2019

CONDIVIDI

Il titolare di un'azienda edile e altri due uomini con precedenti penali sono accusati di tentata estorsione aggravata in concorso

Nei giorni scorsi, a Torino e Venezia, il Nucleo Investigativo Carabinieri di Torino ha notificato 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse, dal Gip presso il Tribunale di Torino, nei confronti di altrettanti soggetti residenti in Torino, tutti con precedenti di polizia, responsabili di tentata estorsione aggravata in concorso.

Le investigazioni, condotte tra ottobre 2018 e gennaio 2019, coordinate dalla Procura di Torino, hanno permesso di accertare una tentata estorsione, commessa dagli indagati mediante ripetute minacce, appostamenti, incontri e comunicazioni telefoniche, finalizzata all’ottenimento della somma complessiva di 100 mila euro.

Il titolare di un’impresa edile, di origini calabresi, ritenuto mandante dell’estorsione, nonostante una pregressa causa civile, conclusasi il 04 luglio 2017, che sanciva l’illegittima pretesa della somma, richiesta in aggiunta al pagamento di lavori di restauro effettuati su un immobile di proprietà di una società riconducibile alla vittima, si è rivolto a due uomini di origine calabresi con precedenti penali, incaricandoli di riscuotere (con minacce pesanti) il denaro, indebitamente preteso e mai ottenuto, con più azioni estorsive commesse tra il luglio 2018 ed il 09 novembre 2018.

Leggi anche

02/04/2020

I sindaci canavesani potranno accedere alla piattaforma per il monitoraggio del Covid-19

I sindaci del Canavese e le Forze dell’Ordine del territorio hanno un nuovo strumento tecnologico per […]

leggi tutto...

02/04/2020

Emergenza Coronavirus: oggi giornata nera in Piemonte. 94 i morti. Salgono a 217 i guariti

Sono saliti a 217 i pazienti guariti dal Covid-19. l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha […]

leggi tutto...

02/04/2020

Rivarolo: va in Posta con la tuta anti nucleare e la maschera antigas. Pesce d’aprile in ritardo?

L’utente si è diligentemente messo in coda, mantenendo la distanza prevista dal decreto sicurezza, indossando una […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy