Il tempo incerto non ferma il Gran Carnevalone di Chivasso. In migliaia per la sfilata

Chivasso

/

14/02/2016

CONDIVIDI

La manifestazione continua ad essere un punto di riferimento per tutto il territorio basso canavesano

Quaranta carri allegorici provenienti dal Chivassese e dal Canavese hanno animato l’odierno Gran Carnevalone di Chivasso. Un successo, nonostante il tempo incerto. La Pro loco Chivasso l’Agricola, promotrice del grande evento può considerarsi soddisfatta: decine di migliaia di persone, molte provenienti dai paesi vicini, hanno affollato la centralissima Via Torino, Lungo Piazza D’Armi, viale Matteotti, viale Vittorio Veneto e piazza Carlo Noè. Sotto una pioggia di coriandoli e stelle filanti, decine di gruppi mascherati, bande musicali e carri provenienti da Crescentino, Santhià, dalla frazione Mastri di Rivarolo, San Benigno Canavese, Montanaro e Bosconero, hanno dato vita a una kermesse carnevalesca che ormai, da oltre un secolo è entrata a far parte della tradizione e della storia del Canavese.

La Bela Tolera Eleonora Bergantin, affiancata dall’Abbà Carlo Isnardi e da una giovanissima ed entusiasta corte, hanno dato il via alla grande sfilata sulle note della celeberrimo inno scritto e composto dai Barberis padre e figlio. Il freddo invernale non ha fermato la voglia di far festa, di vivere il giorno di San Valentino all’insegna della spensieratezza e del divertimento. Molti i giovani presenti, ma anche numerose le famiglie a dimostrazione che il Carnevalone di Chivasso rappresenta ancora una manifestazione di tutto rilievo. Questa sera, a manifestazione terminata, si tireranno le somme: la Pro loco si attendeva almeno cinquantamila persone e le aspettative non sono, ad un primo bilancio, andate deluse.

L’odierna edizione del Gran Carnevalone, la seconda da quando Davide Chiolerio ha assunto le redini della Pro loco, ha rinverdito i fasti del Carnevalone di un tempo, quando ancora l’ingresso era gratuito e la manifestazione chivassese era famosa per la battaglia delle caramelle così come il Carnevale d’Ivrea era famoso per quella delle arance. Da un paio di decenni il lancio delle mimose ha sostituito quello delle caramelle, ma nonostante tutto, la magia del Carnevale è rimasta intatta.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/10/2019

Detenuti e lavoro: la Regione “apre i cantieri” e stanzia mezzo milione di euro destinato ai Comuni

La Regione Piemonte ha pubblicato un bando rivolto ai Comuni e alle Unioni di comuni, per […]

leggi tutto...

17/10/2019

Raffica di furti in villa ad Arè, Rodallo e Caluso. Adesso i ladri colpiscono in pieno giorno

È da dieci giorni che i ladri imperversano tra Aré, Rodallo e Caluso. E i residenti […]

leggi tutto...

17/10/2019

Caselle: si depressurizza la cabina, aereo proveniente da Napoli costretto ad atterrare a Genova

Momenti di paura per i 120 passeggeri del volo Napoli-Torino a causa di un atterraggio di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy