Il Canavese è la nuova capitale della musica alternativa

Rivarolo Canavese

/

06/07/2015

CONDIVIDI

Tempi duri per la musica alternativa che fa Torino si è spostata nei comuni periferici. Quello canavesano è ancora un buon pubblico

“La musica? Appartiene al tuo stile di vita, ti accompagna nei momenti salienti, ti fa incontrare gente, ti dà la carica o ti toglie la tensione, ti fa esprimere e comunicare con il pubblico”.

Parola di Daniele, 37 anni, funzionario commerciale di una nota azienda canavesana. Per lavoro gira il mondo, ma nel tempo libero toglie giacca e cravatta, indossa un paio di jeans e una maglietta e via, pronto a esibirsi in un concerto in giro per l’Italia.

Ettore, 27 anni, fa il volontario per conto del comune di Torino: si occupa di ragazzi disagiati: li segue, trova loro opportunità di praticare attività, di sentirsi diversamente normali. E sono tutti giovanissimi che hanno problemi mentali o fisici. Ha scoperto la musica quasi per caso e quasi per caso è entrato nella band “Fanali di Scorta” che si è esibita sabato scorso a Rivarolo al Keyco Music Festival organizzato dall’omonima società che ha sede a Favria.

L’incontro tra Daniele e Ettore ha avuto luogo qualche anno fa. I Fanali di Scorta prediligono il genere Freak&Roll. Daniele cercava un percussionista; per pura combinazione sente Ettore alla batteria e decide che fa al caso suo. Si sono esibiti tanti giovani alla manifestazione musicale ideata dall’imprenditore Fabrizio Rosboch, giunta alla seconda edizione.

Sono tempi duri anche per la musica: la crisi economica mette il pubblico di fronte a una scelta: “Spesso la gente sceglie di spendere i soldi per andare a sentire i grandi nomi. Un tempo non era così: anche lo stile e il repertorio che vengono considerati di nicchia avevano un seguito numeroso”. “Il limite di reddito causato dal crisi economica penalizza non poco i concerti delle band – sottolinea Ettore -. Partecipiamo a tanti concerti e festival, ma ci siamo resi conto che il pubblico è diminuito nonostante il prezzo d’ingresso sia più che accessibile”.

In ogni caso il Canavese sta diventando un polo alternativo a Torino per quanto riguarda la musica di genere. Una migrazione che impoverisce il panorama culturale torinese e arricchisce quello periferico. Spiega Daniele: “Ormai il genere musicale è omologato: i big suonano e cantano allo stesso modo. Noi abbiamo scelto, pur tra mille difficoltà, di seguire la nostra strada. E’ indubbiamente una scelta che ci procura molte più soddisfazioni personali”.

 

Leggi anche

15/10/2019

Favria: domenica 20 ottobre appuntamento in piazza con una grandiosa castagnata

Domenica 20 ottobre avrà luogo a Favria una castagnata che non è solo il classico appuntamento […]

leggi tutto...

15/10/2019

Giovane coppia di Viù percorre undicimila chilometri a piedi attraverso tutta l’Europa

Hanno attraversato l’Europa percorrendo in un anno 11 mila chilometri a piedi. Anna Rastello e Riccardo […]

leggi tutto...

15/10/2019

Ivrea: rissa in campo tra i giocatori. E l’arbitro sospende la partita di calcio giovanile

Sarà il giudice sportivo a decidere le sorti della partita di calcio e dei tesserati dell’Ivrea […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy