Il canavesano Alessandro Serena, ha partecipato al quiz tv “Caduta libera” condotto da Gerry Scotti

Salassa

/

04/06/2016

CONDIVIDI

Venticinque anni, studente alla Facolta di Economia all'Università di Torino, assessore a Salassa, il giovane è stato iscritto, a sua insaputa, dalle sorelle

Si chiama Alessandro Serena, ha 25 anni, frequenta la Facoltà di Economia all’Università agli Studi di Torino ed è assessore del comune di Salassa. Nei giorni scorsi ha partecipato al seguitissimo show “Caduta libera” condotto a Gerry Scotti, in onda su Canale 5. La convocazione al casting si è rivelata una vera sorpresa per Alessandro che è stato iscritto, a sua insaputa dalle sorelle. Le impressioni a caldo sulla partecipazione alla popolarissima esperienza televisiva? “Dopo l’iscrizione effettuata a mia insaputa dalle mie sorelle sono stato contattato, con mia grande sorpresa dal responsabile che cura il casting del programma televisivo e ho partecipato alle selezioni che si sono svolte in un hotel di Torino”.

La scelta non è stata immediata. Dopo il provino è trascorso un mese prima della convocazione ufficiale. Racconta ancora Alessandro Serena: “Quando ho ricevuto la convocazione mi sono recato negli studi Mediaset di Cologno Monzese. Ho apprezzato la cordialità e la preparazione dello staff che cura il quiz televisivo”. Una delle grandi curiosità della trasmissione televisiva è relativa alla botola sotto i piedi dei concorrenti quando non riescono a dare la risposta giusta. Quali sono gli accorgimenti da usare prima di andare in onda? “Naturalmente. Prima bisogna provare la famigerata botola”.

Tutti si chiedono che c’è sotto: Gerry Scotti, più volte sollecitato dai telespettatori a rivelare l’arcano mistero, da conduttore di consumata abilità ha sempre negato la risposta accrescendo, nel contempo, la curiosità del pubblico. E neanche Alessandro svela il trucco: “Non posso dirlo, ma comunque l’atterraggio è morbido”. La prassi è consolidata: dopo aver effettuato la prova generale, il concorrente passa al reparto trucco e parrucco: successivamente si partecipa a un briefing con i direttori di produzione. “L’ambiente è molto cordiale – sottolinea Alessandro Serena – e agli addetti ai lavori molto disponibili”. E lo “zio” Gerry Scotti? “E’ come lo vediamo in tv. Ha la capacità di metterti a tuo agio davanti alla telecamera e trasmette simpatia al primo sguardo. Di tanto in tanto perde la pazienza con i tecnici”.

E alla fine quanto ha vinto il giovane canavesano? Alessandro fa l’occhiolino, sorride e conclude la chiacchierata glissando la risposta: “Cambiamo argomento?”. La puntata alla quale ha partecipato Alessandro andrà in onda il prossimo 23 giugno si Canale 5. Soltanto allora si saprà se ha vinto o se è precipitato nella botola fatale.

Dov'è successo?

Leggi anche

07/07/2020

Coronavirus: finora in Piemonte 4mila 107 decessi. Crescono i guariti. 5 i nuovi contagiati

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che alle 17,00 di oggi, martedì 7 luglio, i […]

leggi tutto...

07/07/2020

Chivasso: caschi, tute protettive e guanti al personale. Ecco come la Lilt ha aiutato l’ospedale

Una grande catena solidale che ha consentito di donare all’ospedale di Chivasso 9mila guanti, 600 mascherine […]

leggi tutto...

07/07/2020

Sanità: arriva l’infermiere di famiglia che affiancherà il medico di base nella cura dei pazienti

Affiancherà il medico di famiglia per assicurare una migliore assistenza sanitaria ai pazienti. È l’infermiere di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy