Il canavesano Alessandro Serena, ha partecipato al quiz tv “Caduta libera” condotto da Gerry Scotti

Salassa

/

04/06/2016

CONDIVIDI

Venticinque anni, studente alla Facolta di Economia all'Università di Torino, assessore a Salassa, il giovane è stato iscritto, a sua insaputa, dalle sorelle

Si chiama Alessandro Serena, ha 25 anni, frequenta la Facoltà di Economia all’Università agli Studi di Torino ed è assessore del comune di Salassa. Nei giorni scorsi ha partecipato al seguitissimo show “Caduta libera” condotto a Gerry Scotti, in onda su Canale 5. La convocazione al casting si è rivelata una vera sorpresa per Alessandro che è stato iscritto, a sua insaputa dalle sorelle. Le impressioni a caldo sulla partecipazione alla popolarissima esperienza televisiva? “Dopo l’iscrizione effettuata a mia insaputa dalle mie sorelle sono stato contattato, con mia grande sorpresa dal responsabile che cura il casting del programma televisivo e ho partecipato alle selezioni che si sono svolte in un hotel di Torino”.

La scelta non è stata immediata. Dopo il provino è trascorso un mese prima della convocazione ufficiale. Racconta ancora Alessandro Serena: “Quando ho ricevuto la convocazione mi sono recato negli studi Mediaset di Cologno Monzese. Ho apprezzato la cordialità e la preparazione dello staff che cura il quiz televisivo”. Una delle grandi curiosità della trasmissione televisiva è relativa alla botola sotto i piedi dei concorrenti quando non riescono a dare la risposta giusta. Quali sono gli accorgimenti da usare prima di andare in onda? “Naturalmente. Prima bisogna provare la famigerata botola”.

Tutti si chiedono che c’è sotto: Gerry Scotti, più volte sollecitato dai telespettatori a rivelare l’arcano mistero, da conduttore di consumata abilità ha sempre negato la risposta accrescendo, nel contempo, la curiosità del pubblico. E neanche Alessandro svela il trucco: “Non posso dirlo, ma comunque l’atterraggio è morbido”. La prassi è consolidata: dopo aver effettuato la prova generale, il concorrente passa al reparto trucco e parrucco: successivamente si partecipa a un briefing con i direttori di produzione. “L’ambiente è molto cordiale – sottolinea Alessandro Serena – e agli addetti ai lavori molto disponibili”. E lo “zio” Gerry Scotti? “E’ come lo vediamo in tv. Ha la capacità di metterti a tuo agio davanti alla telecamera e trasmette simpatia al primo sguardo. Di tanto in tanto perde la pazienza con i tecnici”.

E alla fine quanto ha vinto il giovane canavesano? Alessandro fa l’occhiolino, sorride e conclude la chiacchierata glissando la risposta: “Cambiamo argomento?”. La puntata alla quale ha partecipato Alessandro andrà in onda il prossimo 23 giugno si Canale 5. Soltanto allora si saprà se ha vinto o se è precipitato nella botola fatale.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/10/2019

Cuorgnè: è attivo lo sportello d’ascolto per aiutare le donne vittime di maltrattamenti e violenza

L’Amministrazione Comunale della Città di Cuorgnè è ormai da diversi anni in prima linea nella lotta […]

leggi tutto...

16/10/2019

Castellamonte, in primavera il trasferimento del distaccamento dei vigili del fuoco nella nuova sede

Avrà luogo la prossima primavera il tanto atteso trasferimento del distaccamento volontario dei vigili del fuoco […]

leggi tutto...

16/10/2019

Rivara: il sacerdote antimafia don Luigi Ciotti inaugura l’anno accademico dell’Unitre

È stata una grande giornata quella di ieri, 15 ottobre, per l’Unitre di Rivara-Alto Canavese. In […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy