Grave un canavesano dopo un investimento e una sparatoria a Giaveno. Tre i fermati dai carabinieri

San Giusto Canavese

/

13/01/2017

CONDIVIDI

L'uomo, 41 anni, è stato investito nel parcheggio dell'hotel "Aquila" di Giaveno ed è ricoverato per alcune lesioni alle gambe. I tre aggressori si trovano in carcere

Prima hanno investito un motocilista, residente a San Giusto Canavese, provocandogli gravi lesioni a una gamba e poi avrebbero ferito alla testa con un colpo di pistola un altro motocilista, che fa anch’egli parte degli “Hell’s Angel”. Il grave atto di cronaca ha avuto luogo la notte di venerdì 13 gennaio davanti al ristorante-hotel “Aquila” di Giaveno. I spetti aggressori dei due uomini sono padre, figlio e nipoti, tutti di origine italiana e residenti a Giaveno. I carabinieri hanno sequestrato, oltre alle automobili utilizzate per il raid anche una lock calibro 40 e un revolver Smith&Wesson.

 IL RAID E LA SPARATORIA

E’ alle 22,15 quando due giovani giungono nel piazzale del ristorante hotel “Aquila”, ancora ricoperto di neve, a bordo di un Fiat Doblò e iniziano a sgommare rumorosamente. La cosa dà sui nervi ad alcuni bikers che fanno parte dell’associazione “Hell’s Angels Motorcycle Club” di Torino che ha sede in una delle salette del ristorante, e ha inizio un vivace alterco. L’episodio non va giù ai due gazzi che si convincono che l’affronto vada in qualche modo vendicato: si recano a casa a Giaveno, impugnano la pistola e il revolver e. accompagnati dal padre di uno dei ragazzi ritornati a bordo di due auto davanti all’Hotel “Aquila”.

La resa dei conti inizia: dapprima investono il motocilista di San Giusto Canavese, 41 anni, che è stato ricoverato all’ospedale di Rivoli con lesioni alle gambe, e poi hanno colpito alla fronte con un colo di pistola un biker di 46 anni residente a Villar Focchiardo, che la momento si trova in pericolo di vita al Cto di Torino. E non è tutto: dopo aver compiuto il raid i tre uomini si sono allontanati a bordo delle due auto esplodendo alcuni colpi di pistola in aria. Una vera e propria scena da Far West. Sul luogo della sparatoria accorrono alcune “gazzelle” dei carabinieri della Compagnia di Rivoli e del Comando Provinciale di Torino.

Gli uomini dell’Arma hanno accertato che i due feriti nsono entrambi pregiudicati e fanno parte degli “Hell’s Angel”, un celebre gruppo di biker del quale fanno parte anche i diciassette bikers che  trovavano nel parcheggio nel momento in cui è avvenuto l’incursione con annessa sparatoria.

FERMATI I TRE UOMINI CON L’ACCUSA DI TENTATO OMICIDIO AGGRAVATO

Nella notte, i tre uomini accusati di di tentato omicidio aggravato, lesioni personali aggravate e porto abusivo di armi in luogo pubblico, sono stati fermati dai carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Torino. Nei loro confronti gl’investigatori avrebbero acquisito gravi e convergenti elementi di responsabilità per il coinvolgimento nel ferimento della coppia di motociclisti. I tre sono stati condotti al carcere “Lorusso&Cotugno” di Torino”.

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

20/11/2017

Aeroporto di Caselle: “sbarca” nello scalo il primo store virtuale della Marina Militare Sportswear

L’azienda toscana Iccab srl, produttrice e distributrice in esclusiva del brand di abbigliamento Marina Militare Sportswear […]

leggi tutto...

Volpiano

/

20/11/2017

La Comital di Volpiano fa marcia indietro, ritira i licenziamenti e chiede la cassa integrazione

La Comital di Volpiano fa marcia indietro e ha ufficialmente comunicato che a far data da […]

leggi tutto...

Ivrea

/

20/11/2017

Ivrea, la Band canavesana “The Jab” sbarca ad “Amici”, il celebre talent di Maria De Filippi

Il primo ostacolo, quello dei casting, è stato superato: la band eporediese “The Jab” partecipa ufficialmente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy