Successo a Cuorgnè per l’iniziativa “Nati Per Leggere” che ha coinvolto le scuole dell’Infanzia

Cuorgnè

/

08/06/2017

CONDIVIDI

Anche quest'anno l'iniziativa che ha l'obiettivo di difendere la cultura della lettura ha coinvolto centinaia di bambini. Soddisfatta l'amministrazione comunale

Lo scorso lunedì 29 maggio con le classi della scuola dell’Infanzia di frazione Salto di Cuorgnè si sono conclusi con successo, nella sede della Biblioteca Civica di Cuorgnè i laboratori di lettura denominato “Nati Per Leggere” relativo anno scolastico 2016 – 2017. I laboratori, istituiti una decina di anni fa da circa, hanno coinvolto nella primavera 2017 tutte le classi delle Scuole dell’Infanzia di Cuorgnè e frazioni; gli appuntamenti  sono stati  venti ed hanno visto la partecipazione di circa 400 bambini .

Questi laboratori di lettura appartengono ad un progetto nato su base nazionale per promuovere la lettura tra i bambini di età compresa tra 0 e 6 anni; sono promossi e coordinati dalla Regione Piemonte e dal 2014 vengono sostenuti dalla Compagnia di  San Paolo.

A Cuorgnè il progetto ha ottenuto lusinghieri risultati  grazie all’impegno del Centro Rete di Ivrea e Canavese (magistralmente diretto da Gabriella Ronchetti) e soprattutto grazie alla dedizione di Maria Teresa Cavallo (storica direttrice della Biblioteca Civica) con il sostegno e la collaborazione dell’Amministrazione Comunale ed in particolare dell’Assessorato alla Cultura. Di fondamentale importanza si sono rivelate, spiegano gli amministratori comunali l’adesione e la collaborazione delle insegnanti della scuola dell’Infanzia.

“La lettrice Giuseppina Montorsi, della Cooperativa Alce Rosso di Ivrea, è riuscita  a trasmettere ai piccoli utenti  l’amore per il libro ma soprattutto è riuscita a donare, attraverso le storie lette dei magici momenti di coccole e di divertimento hanno sottolineato la consigliera comunale delegata e l’assessore alla Cultura Lino Giacoma Rosa -. Sono stati incontri unici e meravigliosi; si tratta di un progetto importante in cui il nostro assessorato crede  fermamente. Per il futuro vorremmo che gli incontri fossero condivisi non soltanto dagli addetti ai lavori ma anche dalle famiglie. Nel frattempo un suggerimento a tutte le mamme e i papà: al sabato mattina, tra una spesa e l’altra, perché non inserire in agenda anche una visita in biblioteca con i nostri bambini?”.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/08/2019

Escursionismo: prende il via la prima, grande edizione, della “Grande Traversata delle Alpi”

C’è tempo fino al 31 ottobre 2019 per partecipare alla prima edizione di “Sguardi sulla GTA […]

leggi tutto...

16/08/2019

Venaria: l’auto prende fuoco e le fiamme lambiscono uno stabile. Terrore tra i residenti

L’auto ha preso fuoco all’improvviso e le fiamme si sono levate così alte da lambire le […]

leggi tutto...

16/08/2019

In montagna il cellulare non riceve il segnale. L’Uncem: “Se ne occupi con urgenza il Parlamento”

Centinaia di migliaia di persone che in questi giorni si trovano in montagna sanno di cosa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy