Sei giocatori del Volpiano squalificati per aver insultato i giocatori del Settimo in maglia rosa

Volpiano

/

21/12/2016

CONDIVIDI

I ragazzi della squadra Juniores avevano intonato cori omofobi all'indirizzo degli allievi del Settimo. Dopo nove mesi arriva la sentenza del giudice sportivo

Sono trascorsi ben nove mesi ma alla fine la giustizia sportiva si è pronunciata: gli insulti omofobi rivolti dai giocatori della società calcistica del Volpiano, costeranno la squalifica di sei giocatori e il pagamento di 300 euro di multa alla società. Lo spiacevole episodio aveva avuto luogo nello scorso mese di marzo a Volpiano durante lo svolgimento del “Memorial Antonio Goia”, uno dei tornei più importanti della stagione calcistica.

Quella famigerata domenica, alcuni giocatori della categoria Juniores avrebbero rivolti pensanti insulti ai giovanissimi giocatori del Settimo che militano nella categoria allievi che erano scesi in campo con magliette color fucsia. L’episodio aveva scatenato una ridda di polemiche anche sui social network.

Gli “spacconi” del Volpiano avevano intonato cori offensivi chiaramente sentiti da un dirigente del Settimo Calcio e dai guardalinee. Le due società sportive avevano raggiunto un chiarimento poche ore dopo l’accaduto che era stato condannato da tutti i dirigenti. E non avrebbe potuto essere altrimenti. Intanto il caso era approdato sui tavoli della procura federale che aveva convocato e sentito i protagonisti della spiacevole vicenda.

Al termine dell’istruttoria il giudice federale ha disposto la squalifica per un turno dei sei giocatori e il versamento della sanzione amministrativa per acclara violazione dell’articolo 1 del codice di giustizia sportiva.

Dov'è successo?

Leggi anche

Chivasso

/

19/09/2017

Chivasso: ladro cerca di introdursi di sera nella casa di riposo per rubare e finisce in galera

E’ stato arrestato con l’accusa di tentato furto e resistenza dopo aver tentato di introdursi con […]

leggi tutto...

Balangero

/

19/09/2017

Balangero: beve e minaccia la vicina di casa con il fucile. Un 63enne è stato arrestato dai carabinieri

E’ stato arrestato con l’accusa di minacce aggravate e detenzione di armi clandestine e munizioni: nei […]

leggi tutto...

19/09/2017

Sanità: l’Asl To4 contatterà e rassicurerà i pazienti ai quali sono state impiantate le protesi Ceraver

Diversi professionisti si trovano agi arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria relativa a quello che è stato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy