Furto in casa Nedved: confermata la condanna del giardiniere accusato di essere il basista dei ladri

26/02/2018

CONDIVIDI

I ladri agirono indisturbati nella villa del vicepresidente della Juventus e fuggirono con un bottino di oltre 400 mila euro

La Corte d’Appello di Torino ha confermato la condanna a 1 anno e 8 mesi per il giardiniere dell’ex centrocampista ceco Pavel Nedved. L’uomo era stato condannato in primo grado dal tribunale di Torino con l’accusa di essere stato il basista del furto compiuto nella casa della Mandria dell’attuale vicepresidente della Juventus e che fruttò ai ladri un bottino oltre 400 mila euro in denaro contante, gioielli e preziosi. Il “colpo” ebbe luogo nel dicembre del 2010.

L’ex giardiniere fu condannato tre anni dopo, nel 2013, a 20 mesi di reclusione perchè secondo la procura di Torino avrebbe agevolato l’entrata dei ladri nella casa mentre il calciatore si trovava in vacanza con la famiglia. L’inchiesta fu condotta dal pm Andrea Padalino.

Nell’ultima udienza, a sorpresa, il pubblico ministero aveva chiesto l’assoluzione dell’imputato, ma i giudici hanno deciso diversamente. La villa del dirigente della Juventus si trova all’interno del suggestivo Parco della Mandria.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/01/2020

Caselle: Leonardo Divisione Velivoli assume 40 operai. La Fim: “Segnale importante per il lavoro”

Millecento uscite volontarie alle quali fanno da contraltare altrettante assunzioni di personale negli stabilimenti di tutta […]

leggi tutto...

22/01/2020

Venaria: va a prelevare al bancomat, lascia l’auto con il motore acceso e un ladro gliela ruba sotto il naso

Venaria: va a prelevare al bancomat, lascia l’auto con il motore acceso e un ladro gliela […]

leggi tutto...

22/01/2020

Lotta al pellet non a norma: istituita una task force fra Regione, Arpa e carabinieri del Nucleo forestale

Una task force con 10 squadre in campo per passare al setaccio i materiali combustibili in […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy