Germagnano: l’operaio-spacciatore nascondeva la droga nella cassaforte di casa. Condannato

Germagnano

/

20/07/2017

CONDIVIDI

Durante la perquisizione dell'alloggio i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato oltre un chilogrammo di hashish e un bilancino digitale di precisione

E’ stato condannato in primo grado dal giudice del tribunale di Ivrea Ombretta Vanini, a scontare una pena di un anno e nove mesi di reclusione con la sospensione condizionale della pena P. C. di 48 anni, incensurato, residente a Germagnano, operaio che arrotondava lo stipendio con il ben più remunerativo spaccio di stupefacenti. La sentenza è stata pronunciata dal magistrato giudicante al termine del processo penale che si è concluso nella mattinata di lunedì 17 luglio.

Lo spacciatore di droga era stato processato per direttissima: nel corso dell’udienza il giudice ha ascoltato, in qualità di testimoni, alcuni carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Venaria Reale che hanno eseguito le indagini.

I carabinieri si  sono presentati presso l’abitazione, dove l’operaio vive con la moglie,  muniti di un decreto di perquisizione rilasciata dalla procura della Repubblica di Ivrea e hanno iniziato un’accurata perquisizione. La ricerca ha subito dato buoni frutti: in una cassaforte celata dietro un quadro, i carabinieri hanno rinvenuto un chilo e 6 grammi di hashish. Una quantità di stupefacente non di poco conto pronta ad essere immessa nel mercato canavesano.

Nel corso della perquisizione i carabinieri hanno ritrovato e sequestrato anche un bilancino di precisione digitale e l’occorrente per confezionare le dosi di droga.

Dov'è successo?

Leggi anche

Chivasso

/

19/09/2017

Chivasso: ladro cerca di introdursi di sera nella casa di riposo per rubare e finisce in galera

E’ stato arrestato con l’accusa di tentato furto e resistenza dopo aver tentato di introdursi con […]

leggi tutto...

Balangero

/

19/09/2017

Balangero: beve e minaccia la vicina di casa con il fucile. Un 63enne è stato arrestato dai carabinieri

E’ stato arrestato con l’accusa di minacce aggravate e detenzione di armi clandestine e munizioni: nei […]

leggi tutto...

19/09/2017

Sanità: l’Asl To4 contatterà e rassicurerà i pazienti ai quali sono state impiantate le protesi Ceraver

Diversi professionisti si trovano agi arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta giudiziaria relativa a quello che è stato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy