“Fridays for future” con Greta. Il leghista Pianasso: “Con i cortei non si aiuta l’Ambiente”

27/09/2019

CONDIVIDI

Il parlamentare sostiene che il ministro, nell'autorizzare i presidi a giustificare gli studenti che hanno manifestato ha commesso una sciocchezza inaudita. "Portare bimbi e adolescenti alle manifestazioni non serve a nulla"

Oggi, venerdì 27 settembre in molte piazze italiane ha avuto luogo una nuova mobilitazione ambientalista contro i cambiamenti climatici, con una massiccia partecipazione giovanile. Alle manifestazioni hanno preso Anche molti ragazzi in età scolare, grazie anche al ministro all’Istruzione Lorenzo Fioramonti, che nei giorni scorsi ha pensato bene di inviare una circolare a tutti gli istituti scolastici, invitando i presidi a giustificare gli studenti assenti.

“Il provvedimento del ministro Fioramonti è stato di una gravità inaudita, oltre ad essere una sciocchezza clamorosa – commenta il senatore della Lega, Cesare Pianasso -. Visto che i seguaci di Greta Thunberg protestano contro tutti i Paesi che non sono stati finora abbastanza attenti alle tematiche ambientali, lui li invita a manifestare contro il suo stesso governo? Mi sembra un cortocircuito mentale. Del resto, non posso aspettarmi niente di sensato da chi alla sua prima uscita ha pensato bene di lanciare l’idea della tassa sulle merendine, né da un governo che ventila l’introduzione di nuove accise sui diesel, come se quelle esistenti non fossero sufficienti. Pura demagogia, ma con effetti negativi concreti per le persone, soprattutto per quelle meno abbienti”.

Resta il fatto che il tema ambientale è molto delicato e sentito, soprattutto dai giovani.

“Il problema va affrontato in maniera seria, non certo con vuota retorica e demagogia – aggiunge il parlamentare -. La volontà dei ragazzi di essere attori protagonisti della nostra società è positiva, ma non si risolve il problema dei cambiamenti climatici con gli slogan e i cortei. E mi chiedo a cosa serva, com’è successo in altre occasioni anche in Canavese, portare bambini e ragazzini di elementari e medie a queste manifestazioni: sarebbe molto più sensato, e logico, che il tempo venisse impiegato per approfondire l’argomento. Per non parlare poi di certi noti ambientalisti, che per anni in televisione e sui quotidiani nazionali fanno propaganda No Tav, e poi strepitano contro le emissioni di CO2 ai ‘Fridays for future’: curioso, visto che la nuova linea Torino-Lione è pensata proprio per abbattere il numero di Tir che attraversano il Frejus ogni anno. Il mio timore è che i tanti ragazzi che sinceramente credono di doversi impegnare per l’ambiente vengano poi strumentalizzati per altri fini”.

Leggi anche

24/01/2020

Il Rotary si appella alle istituzioni: Torino necessita di una vera identità internazionale

Quale futuro per Torino nell’era dell’innovazione della digitalizzazione avanzata? E soprattutto, la capitale subalpina riuscirà a […]

leggi tutto...

24/01/2020

Cuorgnè: anche il calciatore Alberico Evani alla cena di solidarietà in favore del piccolo Gioele

La sua è una battaglia quotidiana contro quella paralisi cerebrale che gli rende difficile muoversi e […]

leggi tutto...

24/01/2020

Borgaro: drammatico incidente stradale nella tangenziale di Torino. Due i feriti in ospedale

Tragedia sfiorata sulla tangenziale nord di Torino nel tratto compreso tra gli svincoli di Caselle e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy