Frana di Quincinetto, l’Uncem polemizza: “A rendere sicura la A5 devono essere le concessionarie”

Quincinetto

/

25/06/2019

CONDIVIDI

Il presidente nazionale dell'Unione Comunità Montane: "È naturale che i Comuni siano arrabbiati. I lavori devono essere a carico di chi incamera i pedaggi di quella che è tra le autostrade più care d’Italia"

E’ l’immobilismo delle società concessionarie dell’A5 Torino-Aosta a preoccupare, e non poco, Marco Bussone, presidente nazionale dell’Uncem sul tema della frana di Quincinetto che da ben sette an ni incombre sull’arteria stradale internazionale. “Anche dopo la riapertura dell’autostrada Torino-Aosta-Monte Bianco, i concessionari non hanno avanzato alcuna proposta di intervenire sul versante della frana di Quincinetto e sulle strade secondarie in accordo con Anas – ha dichiarato Marco Bussone-. I lavori devono essere a carico dei concessionari autostradali, della A5 che è tra le autostrade più care d’Italia”.

Ma le critiche non si fermano qui: il presidente nazionale dell’Uncem sottolinea il fatto che non risulta che i concessionari abbiano rimborsato i pedaggi a quanti sono rimasti bloccati nell’Eporediese e hanno forzatamente intasato la viabilità dei centri abitati. “È naturale che i Comuni siano arrabbiati. Anche noi lo siamo molto. Ma non si deve perdere questa occasione e non si deve sprecare quanto successo. Se tutto finisce con un tavolo in Prefettura, come molti altri, che induca poi la Regione a investire qualche milione di euro sul versante, abbiamo perso tutti. Non deve ancora una volta la collettività a pagare. A intervenire deve essere il concessionario, che da sempre ignora i territori attraversati dalle autostrade dalle quali incassa i pedaggi con enormi utili”.

Ma se Atene piange Sparta non ride: le società concessionarie non battono un colpo e né tantomeno lo fa il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Marco Bussone picchia sodo, convinto del fatto che a pagare i disservizi e i disagi non debbano essere e solo gli utenti: “Il ministero obblighi i concessionari a intervenire sulle reti secondarie delle strade dei territori e nelle situazioni più complesse come quella di Quincinetto. Il Mit ha la grande occasione di ascoltare il grido degli Amministratori locali e imporre ai concessionari nuove regole che ridefiniscano i rapporti anche con gli Enti locali, troppo spesso ignorati e anche presi in giro”.

Leggi anche

18/09/2019

Volpiano: sì alla messa in sicurezza della “provinciale” per Leinì, teatro di incidenti mortali

La questione della pericolosità di un tratto della Strada Provinciale 500 a Volpiano, all’incrocio con via […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ceresole Reale: escursione guidata in E-bike alla scoperta dei tesori del Parco del Gran Paradiso

L’obiettivo è quello di promuovere il territorio e il turismo locale: in questo contesto il bar […]

leggi tutto...

18/09/2019

Ivrea, la Manital finisce in tribunale. Sul futuro dell’azienda deciderà il giudice fallimentare

Amministrazione controllata per la Manital di Ivrea? A decidere sull’ammissibilità per insolvenza saranno i giudici del […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy