Fotoreporter di Lanzo arrestato in Serbia. Documentava il viaggio dei profughi nei Balcani

22/03/2018

CONDIVIDI

Nonostante sia stato ampiamente scagionato dalle presunte vittime, il tribunale non ha sentito ragioni e ha incaricato la polizia di effettuare altre indagini. Attivata da una settimana l'Unità di Crisi della Farnesina

E’ originario di Lanzo l’insegnante e foto reporter Mauro Donato di 41 anni arrestato dalla polizia serba nella serata di venerdì 16 marzo con l’infamante accusa di aver aggredito per rapinarli tre profughi afgani. L’apprezzato fotografo canavesano da anni documenta i viaggi della speranza compiuti da decine di migliaia di profughi sulla “Balkan Route”, la strada che attraversa gli Stati Balcanici. L’arresto ha avuto luogo al confine con la Croazia. L’uomo di trovava in Serbia insieme al collega Andrea Vignali. Da una settimana il fotoreporter si trova in carcere nonostante sia stato ampiamente scagionato dalle tre presunte vittime dell’aggressione e dal collega.

L’ipotesi più probabile è che le autorità serbe abbiano in questo modo impedire che il giornalista documentasse ancora una volta in quali condizioni vivono i profughi che fuggono dalla guerra. Nonostante tutto l’autorità giudiziaria serba ha deciso, al momento, di non concedere la libertà a Mauro Donato, e di proseguire con le indagini. Fin dal giorno dell’arresto l’unità di crisi della Farnesina ha incaricato l’ambasciata italiana a Belgrado di seguire passo passo l’evolversi della vicenda. Secondo l’accusa mauro Donati avrebbe aggredito i tre profughi per togliere loro trecento dinari, poco meno di tre euro.

Due giorni fa si era data per imminente la sua liberazione. Poi è arrivata la doccia fredda della decisione assunta dalle autorità serbe. Sulla vicenda sono intervenute l’Associazione Subalpina e la Federazione nazionale della Stampa italiana (Fnsi).

“E un caso che desta forte preoccupazione – si legge in una nota -. Conosciamo Mauro come un professionista serio, impegnato da tempo a documentare la sofferenza della centinaia di migranti bloccati sulla ‘Balkan Route’, attendiamo con ansia la sua liberazione vicini in questo momento difficile alla sua famiglia”. Stando alle ultimissime notizie, l’udienza giudiziaria dovrebbe avere luogo domani 23 marzo.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/10/2019

Emergenza cinghiali: Città Metropolitana e gli agricoltori chiedono interventi immediati

E’ un appello unitario e determinato quello che Città metropolitana di Torino ed associazioni di agricoltori […]

leggi tutto...

17/10/2019

Orio Canavese-Barone: incidente stradale sulla provinciale. Nello scontro ferito un 28enne di Caluso

Serio incidente stradale sulla strada provinciale 53 nel tratto tra i centri abitati di Orio Canavese […]

leggi tutto...

16/10/2019

Cuorgnè: è attivo lo sportello d’ascolto per aiutare le donne vittime di maltrattamenti e violenza

L’Amministrazione Comunale della Città di Cuorgnè è ormai da diversi anni in prima linea nella lotta […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy