E’ stato (forse) un blocco di neve indurito a causare la morte di Luca Brunello, l’escursionista di Maglione

Maglione Canavese

/

19/12/2016

CONDIVIDI

Una disgrazia imprevedibile ha gettato nella disperazione la famiglia e gli amici del giovane appassionato alpinista

E’ stato con ogni probabilità un blocco di neve bagnata che a basse temperature diventa durissimo e particolarmente scivoloso, soprattutto se si trova su un terreno ripido, ad aver causato la morte alle 14,00 di ieri domenica 18 dicembre, di Luca Brunello, il giovane escursionista di 23 anni, nato a Cigliano ma residente nel comune dell’Eporediese.  Il giovane stava affrontando in salita la parete che porta alla vetta del monte Mucrone a quota 2mila 335 metri che sovrasta il Santuario di Oropa nel Biellese quando all’improvvioso è scivolato per almeno duecento metri.

La salma è stata composta nelle camere mortuarie dell’ospedale di Biella a disposizione dell’autorità giudiziaria, che stabilirà o meno se chiedere al medico legale di effettuare l’autopsia sul corpo martoriato del giovane.

Luca Brunello era giunto ai contrafforti della vetta del Mucrone, dove sorge il vecchio impianto sciistico in compagnia di un amico che non si era sentito di affrontare la salita e aveva raggiunto la vetta percorrendo un sentiero. Dopo aver atteso invano l’arrivo dell’amico, preoccupato, il giovane si stava recando a valle dove ha incontrato un tecnico del soccorso alpino che ha lanciato l’allarme.

La macchina delle ricerche si era messa in moto e da Torino si era levato in volo un elicottero: i tecnici dopo aver effettuato un paio di sorvoli sulla zona, avevano individuato il corpo esanime del disperso ai piedi della parete rocciosa. Dopo un difficoltoso recupero il corpo del giovane è stato affidato ai medici del soccorso avanzato che non hanno potuto fare altro che costatare il decesso del ragazzo a causa dei gravi politraumi riportati nella caduta.

Dov'è successo?

Leggi anche

10/12/2019

Inaugurata nell’Istituto Italiano di Cracovia la mostra “Memoria Storica e Culturale del Canavese”

Venerdì 6 dicembre 2019 nelle sale espositive dell’Istituto Italiano di Cultura di Cracovia è stata inaugurata […]

leggi tutto...

10/12/2019

Rivarolo: Chiara Leone, della scuola di frazione Argentera, è la sindaca del Consiglio dei ragazzi

È una giovanissima alunna della scuola primaria della frazione Argentera la sindaca del nuovo Consiglio comunale […]

leggi tutto...

10/12/2019

Volpiano: Comital-Lamalù: i cinesi assumono metà dei dipendenti e negano la cassa integrazione

Doccia fredda per i lavoratori Comital-Lamalù: i cinesi assumono metà dei dipendenti e niente cassa integrazione. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy