Forno, sono arrivati i dieci migranti. E senza proteste e nessun clamore

Forno Canavese

/

30/08/2015

CONDIVIDI

Neri giorni scorsi la cooperativa che gestisce i richiedenti asilo ha incontrato le associazioni locali per costruire una possibile integrazione

Com’era stato ampiamente annunciato, a Forno Canavese sono giunti i primi migranti. Sono una decina. Il loro arrivo non ha suscitato particolare clamore come si temeva in seguito alle preoccupate prese di posizione delle forze politiche di minoranza.

Nei giorni scorsi, nel salone dell’area Obert ha avuto luogo un contro al quale hanno preso parte i responsabili della cooperativa “liberi Tutti” affidataria della gestione dei migranti e dei richiedenti asilo e i rappresentanti delle associazioni locali. L’obiettivo dell’incontro? Gettare le basi per una futura collaborazione per facilitare l’integrazione dei dieci immigrati. Nel corso dell’incontro è stata chiaramente illustrata ai presenti la netta distinzione tra i profughi (cioè coloro che hanno già ottenuto lo status di rifugiato) e i richiedenti asilo (ovvero coloro che sono in attesa di un pronunciamento dell’apposita Commisione).

I dieci migranti giunti in paese, è stato chiarito, appartengono tutti alla seconda categoria. Tra l’altro è stato anche spiegato qual’è l’iter che seguono gli immigrati dallo sbarco nelle coste italiane fino all’affidamento alle cooperative tramite regolare gara d’appalto. La preoccupazioni di molti fornesi e, sopratutto dell’opposizione, era legata al fatto che l’arrivo di immigrati stranieri potesse in qualche modo scatenare chissà quali malattie e che potesse creare problemi di ordine pubblico. Preoccupazioni infondate, è stato detto, perchè ognuno di loro è stato già stato sottoposto ad accurate visite mediche nei centri d’accoglienza.

Ma l’integrazione è possibile? A giudizio del Comitato Spontaneo nato a Coassolo, centro abitato situato nelle Valli di Lanzo, che nel passato ha già accolto i migranti, lo è. Ed è possibile tramite un percorso da costruire che faciliti l’inserimento, attraverso lo svolgimento di varie attività, dei nuovi arrivati nella collettività. Non è un’operazione facile, ma al termine dell’incontro si è sottolineato che, con la collaborazione delle associazioni e una corretta informazione ai cittadini, il risultato può essere positivo.

Leggi anche

21/08/2019

La crisi minaccia il mercato della frutta. Confagricoltura: “Salviamo un settore già penalizzato”

“In Piemonte abbiamo una produzione frutticola d’eccellenza, apprezzata in Italia e all’estero. Ciò che dobbiamo cercare […]

leggi tutto...

21/08/2019

Rivarolo Canavese: il Comune spende 100 mila euro per rifare la copertura dell’ala sud del Castello Malgrà

Centomila euro per rifare la copertura situata nei pressi del camminamento merlato del castello Malgrà: è […]

leggi tutto...

21/08/2019

Ivrea, ragazza di 17 anni denuncia: “Il branco mi ha stuprata nel centro sociale”. Indaga la procura

Ha soltanto 17 anni la ragazza che ha denunciato di essere stata vittima di uno stupro. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy