Football Americano: “I Mastini” mancano i playoff, ma la voglia di ricominciare è forte

02/06/2018

CONDIVIDI

C'è uno spirito particolare nei Mastini, difficile descriverlo a parole, serve viverlo, serve crederci. Ma una caratteristica dei Mastini è la generosità, è l'apertura; non è per tutti, ma tutti possono farne parte. La luce in fondo al tunnel si è materializzata, ad "accenderla" è stato di nuovo lui, ancora una volta, la volpe grigia, Andrea Serpieri

Era la sera di un sabato, quella del 21 Aprile 2018. Si è appena conclusa la partita Mastini Canavese -Warriors, una partita del campionato di seconda divisione, evocativa per i canavesani, ma il risultato è purtroppo impietoso: 0-36. E’ vero, l’avversario punta senza indugi alla promozione in prima divisione, ma i Mastini sono alla quarta sconfitta in cinque partite e, ciò che è peggio, non vedono prospettive di miglioramento.
Sono giorni intensi, il malumore e la delusione serpeggiano, dopo sei mesi di allenamento i risultati non ci sono, il progetto si è incagliato e occorre far qualcosa, serve una scossa.

La dirigenza canavesana non ha dubbi, ci vuole un cambio tecnico, l’Head Coach Giovanni Modena viene esonerato, non è nato il feeling con l’ambiente montano. Segue una settimana di smarrimento, manca una leadership tecnica in grado di rianimare l’ambiente. I Mastini sono entrati in un tunnel, ma non si vede la luce in fondo. Eppure non tutto è perduto, mancano ancora tre partite e vincendole tutte si può arrivare ai playoff, un obiettivo impensabile a settembre.

C’è bisogno subito di un segnale. La squadra ha grandi potenzialità, serve solo un catalizzatore che le faccia emergere, qualcuno che conosca l’ambiente, idee fresche, non un vero e proprio Head Coach sul campo, anche solo un consulente.
Nasce in quel momento un’idea. Ad averla è Andrea Canella, vulcanico Team manager dei Mastini. Quel catalizzatore, quel consulente ha nome e cognome: Andrea Serpieri. E’ una vecchia volpe dei campi italiani, talentuoso QB milanese con un trascorso a Ivrea negli anni 80 e un’esperienza da Head Coach dei Mastini nel 2016, conclusasi, forse, troppo in fretta.

Da Andrea ad Andrea. Canella prende in mano il telefono e chiama, Serpieri risponde. Certo non sarà possibile un impegno full time sul campo, ma una consulenza sì, e tanto basta.
A due settimane dalla partita coi Warriors, con solo 3 allenamenti dopo l’esonero di Modena i Mastini hanno una partita decisiva, con i leader del girone, gli Hammers Monza, la prima di 3 “finali” per i Canavesani.

Serpieri si mette al lavoro e in sole 4 ore, collaborando coi coach dei Mastini, Juanca Pitossi e Ermes De Bastiani, semplifica il playbook e, con sorrisi e un’elegante ironia tutta milanese, infonde fiducia a un team che non chiedeva altro. Il risultato è sotto gli occhi di tutti, in primis del pubblico di San Giorgio, i Mastini battono gli Hammers, 21-0, in sideline c’è la mano, imprescindibile, di Pitossi e De Bastiani, in tribuna, invece, veglia Serpieri

Altre due settimane di lavoro e poi ci sono i Frogs, partita forse meno impegnativa, ma utile a preparare quella decisiva contro i Daemons. E i ragazzi rispondono: sullo storico campo di Bienate i Mastini vincono la seconda delle loro finali, 44-0.
Poco tempo per respirare, il fine settimana successivo c’è l’ultimo e più decisivo scoglio in vista playoff. Complice un inizio stagione sventurato, complici gli incroci della classifica, il compito è ai limiti del possibile, per qualificarsi ai playoff serve una vittoria con 34 punti di scarto.

Ma ai Mastini non interessa, la squadrà è arrivata dove voleva essere, a giocarsi il campionato (il primo a 11 giocatori da quando sono stati rifondati nel 2011) fino all’ultima giornata, padroni del proprio destino. Poco importa che l’obiettivo sia difficile, serve far capire a tutti che la musica è cambiata, serve dimostrare con i fatti che la sconfitta per 8 a 41 dell’andata è solo un brutto ricordo: a Cernusco i Daemons se la devono sudare fino all’ultimo. E così è stato. Non arrivano i playoff, non arriva la vittoria, ma i Daemons sono sicuri del risultato solo a 40 secondi dalla fine, quando il sogno della vittoria per i Mastini si infrange nelle mani del capitano dei Daemons, che intercetta il lancio della vittoria per i canavesani.

C’è tanto lavoro da fare per mantenere lo standard e migliorarlo, lo sanno bene in Canavese, ma la voglia, la passione, le idee e l’energia non mancano. C’è uno spirito particolare nei Mastini, difficile descriverlo a parole, serve viverlo, serve crederci. Ma una caratteristica dei Mastini è la generosità, è l’apertura; non è per tutti, ma tutti possono farne parte.
Cuore, orgoglio e testardaggine, caratteristica della gente di montagna, per tirarli fuori serviva un catalizzatore, per cambiare il proprio destino serviva un’idea.

L’idea e il catalizzatore avevano lo stesso nome, Andrea, avevano condiviso il campo 30 anni fa e lo hanno fatto di nuovo, con generosità.
La luce in fondo al tunnel si è materializzata, ad “accenderla” è stato di nuovo lui, ancora una volta, la volpe grigia, Andrea Serpieri.

Leggi anche

18/06/2018

Al castello di San Giorgio la terza edizione di Expoelette, il Forum dove le donne sono protagoniste

E’ giunta alla terza edizione il Forum Expoelette che sarà nuovamente ospitato nella suggestiva cornice dello […]

leggi tutto...

18/06/2018

Canavese: tranciati in un cantiere i cavi della “fibra” e i servizi sanitari dell’Asl T04 vanno in tilt

Oggi, lunedì 18 giugno, verso le ore 8,00, i lavori di un cantiere della Città di […]

leggi tutto...

18/06/2018

Dramma a Leinì: esce di strada per un malore e finisce con l’auto nel fossato. Muore un 68enne

Il malore, improvviso e inesorabile, lo ha stroncato mentre si trovava alla guida della propria Fiat […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy