Favria: una serata in biblioteca per promuovere la salvaguardia del Sacro Monte di Belmonte

12/04/2018

CONDIVIDI

Un convegno organizzato dagli Amici di Belmonte Onlus, del quale è relatore Giovanni Bertotti, che mette in luce le peculiarità del Santuario e la necessità di proteggerlo

L’origine di Belmonte come luogo sacro è riconducibile, tra storia e leggenda, ai primi decenni dell’anno Mille quando sorse un monastero benedettino dipendente dalla famosa Abbazia di Fruttuaria, fondata nel 1003 dal monaco Guglielmo proveniente dal grande monastero di Cluny. Si potrebbe andare avanti nel parlare della millenaria presenza del santuario mariano in Belmonte e la sua storia.

Ed è questo è l’argomento della serata promossa dalla biblioteca comunale di Favria con l’Associazione Amici di Belmonte Onlus, con il patrocinio del Comune di Favria, giovedì 19 aprile, a Favria presso i locali della Biblioteca Comunale “Pistonatto”, in corso Matteotti, 8, alle ore 21,00. Le tradizioni religiose popolari sono un patrimonio prezioso da custodire, come gli edifici sacri che ne sono il luogo fisico del loro valore spirituale. Il Sacro monte di Belmonte e la sua storia parla di noi Canavesani, delle nostre radici che sono la linfa necessaria per camminare verso il futuro.

La storia di Belmonte diventa un modo per riflettere su noi stessi e su chi ci ha preceduto, sugli uomini e donne che hanno abitato in questi luoghi e hanno avuto nel Sacro monte un faro di speranza nei momenti di difficoltà. Il relatore dottor Giovanni Bertotti,  porterà il pubblico a scoprire la storia del sito con la storia delle sue devozioni. La serata è organizzata dall’Associazione Amici di Belmonte Onlus che si prefigge lo scopo di sensibilizzare tutti i cittadini sulla conservazione ed alla valorizzazione del Santuario.

L’obiettivo di queste serate è quello di promuovere la salvaguardia del Sacro Monte e fare conoscere gli aspetti storici, religiosi ed artistici, promuovendo la manutenzione degli edifici sacri e delle aree circostanti evitandone il degrado. Un convegno che porterà sicuramente arricchimento culturale; appuntamento da segnare in agenda e da non perdere, perché la storia del Santuario parla anche di noi.
Giorgio Cortese

Dov'è successo?

Leggi anche

Rivarolo Canavese

/

15/12/2018

Rivarolo, autovelox nascosto in frazione Mastri ma solo per studiare gli automobilisti

La prevenzione passa attraverso la compresione del livello di civiltà e di ripsetto della legge dimostrata […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

15/12/2018

Centinaia di pacchi dono confezionati dai soci del Rotary Cuorgnè e Canavese in nome della solidarietà

Anche quest’anno i soci del Rotary Club di Cuorgnè e Canavese e del Rotaract hanno dato […]

leggi tutto...

Chivasso

/

15/12/2018

Chivasso, mamma contro le maestre della materna: “Preferivo mio figlio pisciato che vestito di rosa”

Una baraonda. E tutto perche le maestre hanno fatto indossare a causa dell’esarimento dei pannolini a […]

leggi tutto...