Favria, presto in campo il progetto anti-criminalità

Favria

/

10/08/2015

CONDIVIDI

Il consigliere comunale di minoranza Vittorio Bellone ha ricevuto nottetempo la visita dei ladri mentre si trovava in casa

Come si contrasta l’attività della microcriminalità soprattutto nel mese d’agosto quando le città e i paesi si svuotano per le ferie? Semplice: con una maggiore collaborazione tra cittadini e forze dell’ordine.

Il sindaco di Favria, Serafino Ferrino è sempre più convinto che la gente debba vigilare ed essere d’ausilio a chi deve istituzionalmente garantire il controllo del territorio. Non chiamatele ronde: chiamatelo piuttosto servizio di vigilanza. E su questo sta lavorando il consigliere comunale di minoranza Vittorio Bellone che sta mettendo a punto un progetto sulla sicurezza che l’Amministrazione è più che disposta ad appoggiare.

Dettagli e modalità saranno illustrati a breve nel corso di una conferenza stampa che avrà, presumibilmente luogo in Municipio. Vittorio Bellone, ex carabiniere in congedo, l’altra notte ha ricevuto, insieme al vicino di casa, una visita notturna dei “topi d’appartamento”, che sono penetrati negli alloggi senza curarsi della presenza dei propritari . Non sono riusciti a rubare nulla, hanno lasciato impronte più che evidenti, ma stupisce l’intraprendenza e la noncuranza con i quali i malviventi operano. Vittorio Bellone ha affidato al suo profilo Facebook un’amara e ironica riflessione: “Volevo avvisare i ladri che questa notte hanno cercato di entrare a casa mia e in quella del vicino che le rate del mutuo gliele abbiamo lasciate sul tavolo. Grazie comunque per averci lasciato le impronte e il numero di scarpe”.

Il bisogno di sicurezza cresce e lo dimostrano in concreto i commenti al post vergato dal consigliere comunale. E ancor più lo dimostra il fatto che il sindaco non solo conosce bene la realtà del territorio che amministra ma soprattutto ciò che pensano i suoi concittadini.

“E’ necessario che tutti collaborazione per il bene comune – asserisce Serafino Ferrino –. Il passaparola, il tenere la guardia alta, segnalare auto sospette o situazioni non convincenti è il modo migliore per contrastare tutti insieme la diffusione della criminalità. Le forze dell’ordine fanno la loro parte, ma ognuno di noi deve essere disposto a fare la propria non solo nell’interesse personale ma in quello di tutta la collettività”.

Dov'è successo?

Leggi anche

05/06/2020

L’Arma compie 206 anni. Premiati i carabinieri che hanno catturato il boss del narcotraffico Assisi

L’Arma dei Carabinieri ha celebrato oggi, venerdì 5 giugno, il 206° anno di Fondazione con una […]

leggi tutto...

05/06/2020

Ivrea: incidente stradale a Porta Torino. Coinvolti un’auto e un monopattino. Grave 34enne di Rueglio

Stava viaggiando su un monopattino elettrico quando, per cause ancora in via di accertamento, è rimasto […]

leggi tutto...

05/06/2020

Appalti truccati nella sanità: 19 indagati e perquisizioni della Finanza negli ospedali piemontesi

Operazione della Guardia di Finanza di Torino contro le gare truccate e corruzione in alcune Asl […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy