Favria: il nubifragio devasta le colture di mais e foraggio. Il sindaco Bellone chiede lo stato di calamità

Favria

/

15/06/2017

CONDIVIDI

Da ieri alle 18,00 il primo cittadino è in prima linea con i volontari della Protezione Civile per verificare lo stato del territorio devastato dal maltempo

Agricoltura in ginocchio, coltivazioni distrutte, agricoltori che non sanno più a che santo votarsi: il nubifragio che nel tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 14 giugno ha flagellato il Canavese ha creato non pochi danni a Favria, tanto il neo sindaco Vittorio Bellone è stato costretto a chiedere lo stato di calamità. La richiesta è stata inoltrata questa mattina alla Regione Piemonte, alla Città Metropolitana e alla Prefettura di Torino.

Da ieri alle 18,00 il sindaco che non si è ancora insediato ha esplorato, ogni angolo del territorio comunale insieme ai volontari della Protezione Civile per verificare la salvaguardia dell’incolumità dei suoi amministrati e per rendersi conto dello stato di devastazione e desolazione in cui versano le coltivazioni. Sarà lo spirito del carabiniere in congedo ma il neo sindaco è subito entrato in servizio a tempo pieno.

“Il mio plauso va all’instancabile operato dei volontari della Protezione Civile – commenta Vittorio Bellone -. Mi sentivo uno di loro, adesso sento di esserlo ancora di più. Attendiamo che la nostra richiesta legata al riconoscimento della calamità naturale abbia un riscontro al più presto. Quel che è certo è che qui tanti coltivatori sono davvero in ginocchio”.

La violenta perturbazione atmosferica che ha colpito Favria e che scaricato al suolo in pochi minuti bel 35 millimetri di pioggia, ha provocato anche l’allagamento di via San Pietro in pieno centro cittadino, la straripamento di tutti i canali irrigui che si trovano sul territorio comunale, danni alle banchine stradali conseguenti all’erosione degli argini dei canali, l’allagamento di cantine, garage e di aziende agricole e, purtroppo, ingenti danni alle colture di mais e foraggio.

Dov'è successo?

Leggi anche

19/08/2019

Volpiano, a ottobre finalmente la gara d’acquisizione di Comital e Lamalù. Fine dell’incubo?

Il conto alla rovescia è già iniziato: tra 45 giorni si aprirà ufficialmente la gara per […]

leggi tutto...

19/08/2019

Chivasso: è tutto pronto per la fantasmagorica festa patronale del “Beato Angelo Carletti”

La Città di Chivasso si appresta a festeggiare il suo Santo Patrono Beato Angelo Carletti nel […]

leggi tutto...

19/08/2019

Cade dal sollevatore in casa di riposo durante uno spostamento. Grave una pensionata di 96 anni

E’ ancora ricoverata in prognosi riservata all’ospedale di Chivasso l’anziana di 96 anni vittima di un […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy