Favria: il Comune investe 178 mila euro sulla sicurezza scolastica e rifà i servizi igienici del cimitero

Favria

/

29/11/2018

CONDIVIDI

Il sindaco Vittorio Bellone: "Parte di questi lavori erano stati sollecitati ben quattro anni fa e se fossero stati eseguiti in quegli anni, oggi avremmo più risorse per le cose più visibili. Le promesse vanno mantenute"

Ventimila euro per ultimare i lavori, iniziati questa estate, relativi alla sostituzione dei servizi igienici del cimitero di Favria che, a causa dell’incuria, versavano in uno stato di evidente degrado.

Il sindaco Vittorio Bellone non ha dubbi: le promesse fatte ai cittadini vanno mantenute e l’ultimazione dei lavori al cimitero ne è la concreta dimostrazione: “Avevamo promesso già in campagna elettorale che i cittadini di Favria meritavano più rispetto, basta vedere in che stato erano i bagni del Cimitero al nostro insediamento – afferma -. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato compresa la ditta che ha realizzato i lavori per l’attenzione prestata ai minimi particolari”.

I prossimi interventi previsti nel prossimo mese di dicembre riguardano il locale plesso scolastico che sarà oggetto di lavori inerenti la riqualificazione energetica con sostituzione della centrale termica della scuola materna per un importo di circa 50 mila euro, il rifacimento dell’impianto di rilevazione Fumi alla Scuola Media per un importo di 28.mila euro, ricostruzione impianti di scarico della scuola primaria per un importo di circa 25 mila euro e, per ultimo, il rifacimento di un tratto di roggia che passa all’interno del plesso scolastico per un importo di circa 75 mila euro. L’importo complessivo dei lavori ammonta a un totale di 178 mila euro investiti per la sicurezza scolastica.

Il sindaco Vittorio Bellone commenta sui social network: “Se avessimo speso 178 mila euro nell’asfaltatura delle strade sarebbero più visibili ma con le scuole e con i bambini non si scherza. Spiace constatare che parte di questi lavori erano stati sollecitati ben quattro anni fa e se fossero stati eseguiti in quegli anni, oggi avremmo più risorse per le cose più visibili. Le parole corrono più velocemente dei fatti lascio ad altri questa prerogativa ed in silenzio continuiamo a lavorare per la nostra comunità favriese”.

Dov'è successo?

Leggi anche

05/06/2020

Ceresole: il paese accoglie gratuitamente 150 infermieri e medici che hanno combattuto il Covid

Ceresole Reale è un piccolo comune. Un centro abitato in Valle Orco di 167 abitanti che […]

leggi tutto...

05/06/2020

Piemonte: scattano le denunce per la “bufala” sulle mascherine tossiche distribuite dalla Regione

“La Regione Piemonte sta procedendo a denunciare per procurato allarme quanti hanno dato visibilità all’ignobile accusa […]

leggi tutto...

05/06/2020

Coronavirus in Piemonte: negli ospedali si svuotano e chiudono i reparti Covid. Ma risalgono i contagi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che oggi, venerdì 5 giugno, i pazienti virologicamente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy