Favria, ancora ricorsi contro il Comune per la casa di riposo

Favria

/

17/09/2015

CONDIVIDI

I dipendenti della società che gestiva la struttura per anziani, oggi in liquidazione, chiedono al Comune il pagamento degli stipendi e premi arretrati

Chiedono premi e stipendi arretrati. Peccato che la società sia in liquidazione. Ed ecco che i dipendenti della “Mgl Gest” la società che per anni ha gestito la casa di riposo, chiedono al comune di Favria di essere pagati. E un’altra nutrita serie di ricorsi approda in tribunale a Ivrea. Dopo il fallimento della società i debiti sono finiti a carico del comune che è il proprietario effettivo della residenza sanitaria per anziani che adesso è stata ridenominata “Villa Nizzia”. E come se non bastasse, l’amministrazione comunale è in debito nei confronti della “Mgl Gest”.

E’ una storia infinita quella che riguarda l’ex casa di riposo. Una vicenda costellata di ricorsi: da tre anni a questa parte l’ente locale viene chiamato in causa per cause finalizzate a risarcimenti. Un dato significativo: fino ad oggi il comune, indipendentemente dai procedimenti giudiziari in corso, ha dovuto tirar fuori qualcosa come 700 mila euro. E poi ci è messa la cooperativa “Synago” che ha chiesto un altro milione di euro. Il sindaco di Favria Serafino Ferrino spiega che il legali ai quali l’amministrazione ha affidato l’esame di ogni singolo ricorso, sono al lavoro per valutare le azioni da intraprendere.

Il comune tra l’altro ha presentato una denuncia per truffa dato che a detta del primo cittadino, sarebbero arrivate richieste di risarcimento non dovute. In ogni caso la soluzione per rintuzzare il problema (come peraltro è già successo in passato) è già stata individuata con l’affidamento della gestione della residenza per anziani per i prossimi quarant’anni. Il che, a conti fatti, significa che le casse comunali introiteranno 12 mila euro al mese. E’ con quei soldi che l’amministrazione conta di pagare i creditori senza intaccare (e sforare il patto di stabilità) l’integrità del bilancio.

Un pagamento ratiezzato insomma, che comunque, è sempre meglio che niente. Una cosa appare subito evidente: la società che gestisce attualmente “Villa Nizzia” ha risolto finalmente tutti i problemi e disservizi che persistevano da anni. Il primo cittadino non ha dubbi in proposito: la struttura funziona bene e, pur tra mille difficoltà, le scelte compiute dall’amministrazione, a suo giudizio, si sono rivelate vincenti.

Dov'è successo?

Leggi anche

Castellamonte

/

22/09/2018

Licenziato perchè malato di Parkinson. L’ex senatore Eugenio Bozzello: “Canavese senza umanità”

Era stato licenziato dall’azienda per la quale lavorava perchè ammalato di Parkinson. Lui fa ricorso, si […]

leggi tutto...

Ivrea

/

22/09/2018

Voleva vedere il mare per l’ultima volta. I volontari della Croce Rossa fermano l’ambulanza in spiaggia

Desiderava tanto rivedere, forse per l’ultima volta il mare che bagna le coste della sua amata […]

leggi tutto...

Lombardore

/

22/09/2018

Lombardore: anziana di 78 anni travolta e uccisa da un’auto mentre attraversava la strada

Aveva 78 anni Giovanna Baldovino, la pensionata che è stata travolta e uccisa da un’auto mentre […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy