Esplode la rabbia del padre di Gloria: “Prima che io muoia, spero che condannino gli assassini”

Castellamonte

/

07/06/2016

CONDIVIDI

L'anziano genitore ha partecipato insieme alla moglie Maria Mores, alla Festa dei Carabinieri che ha ringraziato per l'impegno nello stringere la mano del generale Gino Micale

La speranza è che gli assassini della figlia paghino il loro debito verso di lui, la moglie e la giustizia con una condanna esemplare. Ettore Rosboch, l’anziano padre della professoressa barbaramente trucidata il scorso mercoledì 13 gennaio, non nasconde quanto straziante sia il dolore che dilania sia lui che la moglie Maria Mores. La sua esternazione ha avuto luogo domenica scorsa al termine della Festa dei Carabinieri che si è svolta alla caserma “Cernaia” di Torino, alla quale i genitori di Gloria Rosboch hanno preso parte per esprimere la loro riconoscenza per l’impegno dei carabinieri stringendo la mano del generale Gino Micale.

Ma è la madre della povera Gloria a usare parole pesanti come macigni, pesanti come quel dolore l’accompagna tutti i giorni, senza posa e senza attenuarsi. Anzi. Questa “madre coraggio” che fin dal giorno successivo alla scomparsa della figlia aveva lanciato precise accuse nei confronti di Gabriele Defilippi, 21 anni, ex allievo della figlia, chiede che il giovane, il suo maturo amante Roberto Obert e Caterina Abbatista, madre di Gabriele, rimangano in carcere. “Anche lei, perché sapeva tutto e, quando Gloria è scomparsa – ha dichiarato -, ha avuto il coraggio di dire che non vedeva da un anno il figlio Gabriele. Stanno male? Troppo tardi. Gloria non meritava di morire in un modo così atroce. Una cosa è uccidere in cinque minuti, un’altra è premeditare un delitto per un anno”.

I genitori di Gloria hanno anche ringraziato il procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando e quanto stanno ancora alacremente lavorando sul tragico decesso della professoressa di 49 anni.

Dov'è successo?

Leggi anche

17/11/2019

Maltempo in Canavese: nelle Valli di Lanzo e in Valle Orco ancora case senza elettricità

“Ritengo gravissimo che l’energia elettrica nelle valli alpine e appenniniche, in particolare in diverse zone delle […]

leggi tutto...

17/11/2019

Oglianico: uno speciale albero di Natale realizzato con lana e uncinetto per aiutare chi è in difficoltà

Un albero di Natale fuori dai canoni classici, cucito con ago, filo, uncinetto e lana. Un’opera […]

leggi tutto...

17/11/2019

Levone: padre, madre e figlio 16enne spacciavano droga in casa. Due denunce e un arresto

Attività di contrasto dei carabinieri contro la criminalità diffusa nella provincia di Torino. 3 arresti e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy