Errore nella refrigerazione delle fiale: l’Asl richiama i bambini vaccinati a Rivarolo il 5 febbraio

Rivarolo Canavese

/

15/02/2019

CONDIVIDI

I vaccini sono stati conservati a una temperatura lievemente superiore a quella indicata. Nessun problema per la salute. La direzione generale dell'azienda si scusa e avvia un'indagine interna

I bambini che sono stati vaccinati lo scorso martedì 5 febbraio dovranno ripetere la vaccinazione. Il problema? I vaccini somministrati nella mattinata sarebbero stato conservati nelle apparecchiature refrigeratrici a una temperatura leggermente superiore a quella indicata nelle schede tecniche. A confermarlo, dopo le segnalazioni apparse sui social network è la direzione generale dell’Asl T04. Per questa ragione, in base alla procedura prevista in questi casi, i bambini che hanno effettuato la vaccinazione presso il Poliambulatorio di Rivarolo Canavese, dovranno ripeterla.
A segnalare l’anomalia, stando a quanto spiegano all’Asl T04 il direttore del Distretto di Cuorgnè è stata la dottoressa Mortoni. L’azienda sanitaria ha immediatamente coinvolto la responsabile della farmacia ospedaliera per “comprendere con certezza scientifica possibili conseguenze nei confronti della salute dei bambini”, ha condotto una “valutazione obiettiva condotta sulla letteratura che ha evidenziato come non esistano rischi se non una possibile minore durata della copertura”.
Nei giorni 12, 13 e 14 febbraio il direttore del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, dottor Franco Valtorta, il direttore del Distretto di Cuorgnè, dottoressa Lavinia Mortoni, e la direttrice della Farmacia Ospedaliera, dottoressa Elena Zinetti hanno incontrato tutte le famiglie interessate “hanno rappresentato le loro scuse, anche a none della Direzione Generale e la loro umana comprensione per il disagio arrecato anche in merito alla necessità di ripetizione della vaccinazione, pur nella certezza scientifica che l’evento non ha determinato alcun danno”.
Le famiglie hanno recepito che il disguido non ha creato problemi alla salute dei propri e figli e hanno deciso di ripetere la vaccinazione.
“Il fatto accaduto, che resta e resterà unico nell’ambito dell’attività vaccinale dell’Asl T04non deve in alcun modo ridurre la fiducia degli utenti verso il Servizio Vaccinazioni dell’Asl T04 né verso le vaccinazioni – spiegano i vertici dell’azienda sanitaria -.  Le responsabilità circa una disattenzione che non può accadere saranno oggetto di un’accurata valutazione interna”. 
Leggi anche

11/11/2019

Volpiano: una sala dedicata al dottor Enrico Furlini, ex medico e presidente del Consiglio comunale

Domenica 17 novembre alle 10 la sala sotto i portici del Municipio di Volpiano (piazza Vittorio […]

leggi tutto...

11/11/2019

Ivrea, in cento chiedono al sindaco che sia conferita la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre

Una petizione corredata da oltre un centinaio di firme: è quella che è stata inoltrata al […]

leggi tutto...

11/11/2019

Favria commemora i caduti in guerra. E la “penna nera” Giorgio Cortese esalta i Valori Alpini

Anche il Gruppo Alpini di Favria ha partecipato alla commemorazione del 4 novembre, Festa delle Forze […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy