Economia: il candidato del centrodestra Alberto Cirio incontra gl’imprenditori dell’Alto Canavese

Rivara

/

30/04/2019

CONDIVIDI

Trasporti, viabilità, servizi pubblici, utilizzo dei fondi europei: questi, tra gli altri, gli argomenti affrontati e che dominano da molto tempo la scena economica di un territorio, come quello alto canavesano fortemente industrializzato

Trasporti, viabilità, servizi pubblici, utilizzo dei fondi europei: sono i temi l’eurodeputato uscente Alberto Cirio, candidato per il centrodestra alla presidenza della Regione Piemonte ha affrontato nel corso di un incontro con gl’imprenditori dell’Alto Canavese che ha avuto luogo a Villa Ogliani a Rivara, nel comune ammininistrato dal sindaco uscente Gianluca Quarelli – candidato tra le fila del centrodestra – nella mattinata di martedì 30 aprile. Gli argomenti affrontati sono queli che dominano da molto tempo la scena economica del “cuore pulsante” dello stampaggio, ovvero del settore metalmeccanico che nei decenni ha fatto da traino all’economia di un territorio fortemente industrializzato.

Le grandi criticità costituite dall’inadeguatezza del Ponte Preti, il viadotto che scavalca il torrente Chiusella e che collega l’Eporediese all’Alto Canavese, la mancata realizzazione della bretella Lombardore-Front che aveva l’obiettivo di rendere più agevole il traffico pesante e alleggerire la ricolazione veicolare sull’ex strada statale 460, le incertezze che aleggiano sulla “Canavesana” dopo l’acquisizione della gestione da parte di Trenitalia, sono da sempre un freno allo sviluppo del sistema produttivo canavesano. Nel corso dell’incontro Alberto Cirio ha sottolineato come in caso di vittoia della coalizione che lo sostiene sarà inevitabile un “cambio di passo” per assicurare la salvaguardia della territorialità ritenuto un valore fortemente pregnante.

“Non tutto ciò che ha fatto la giunta Chiamparino è da buttare – ha dichiarato -, nell’operato della giunta precedente sono anche state fatte delle buone cose, ma la nostra visione dell’amministrazione regionale è del tutto diversa”. I tanti problemi che travagliano il territorio canavesano, ha spiegato il candidato governatore, potrebbero essere affrontati e in parte risolti con il pieno utilizzo dei fondi strutturali che l”Unione Europea stanzia proprio per lo sviluppo territoriale.

“Molto spesso questi stanziamenti, a volte decisamente corposi, sono scarsamente utilizzati e non di rado l’UE li richiede indietro – ha sottolineato Alberto Cirio -. Ed è nostra intenzione, se avremo la possibilità di governare la Regione Piemonte, di investire nello sviluppo, nelle infrastrutture, nella sanità, mettendo da parte la visione torinocentrica che finora ha penalizzato pesantemente sia il Canavese che l’intera ex provincia di Torino”.

Leggi anche

15/11/2019

Pubblicato il calendario dei carabinieri: un’opera d’arte da “leggere” e che racconta le vicende dell’Arma

Prodotto editoriale con una tiratura di oltre un milione di copie, il Calendario Storico dell’Arma dei […]

leggi tutto...

15/11/2019

Nevicata in Valle Soana: alberi abbattuti e interruzione dell’energia causano disagi nei comuni

Era stata prevista, ma l’abbondante nevicata caduta nella notte tra giovedì 14 e venerdì 15 novembre […]

leggi tutto...

15/11/2019

Rivarolo: scoperto un caso di scabbia nell’asilo di via Bicocca. Scatta la sanificazione della scuola

La scabbia colpisce le scuole di Leinì prima e la “primaria” dell’infanzia in via Bicocca a […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy