Discariche abusive a Favria: l’Amministrazione sulle tracce dei “maiali” che abbandonano i rifiuti

Favria

/

30/01/2019

CONDIVIDI

Il sindaco Vittorio Bellone: "Situazioni analoghe si perpetuano da tempo immemore, ma stiamo predisponendo le dovute azioni per sensibilizzare la cittadinanza, nel caso inasprendo le sanzioni per le inadempienze riscontrate"

Discariche abusive a Favria: sull’incivile comportamento dei “maiali” che abbandonano rifiuti di ogni tipo sul territorio di Favria interviene l’amministrazione comunale che, in una nota stampa, comunica che sono state avviate tutte le misure necessarie per individuare i responsabili di questi atti che non hanno nessun giustificazione e che riducono il paese in un’indecorosa e pericolosa discarica.  Il sindaco di Favria Vittorio Bellone rileva che nei giorni scorsi sono state pubblicate sui social network dal gruppo di minoranza alcune foto di abbandoni di rifiuti nel territorio comunale. Situazioni che, però, erano già state monitorate dall’Amministrazione, che aveva già fatto scattare le indagini della Polizia municipale.

“Stiamo cercando di trovare i responsabili degli accumuli di immondizia nei campi e non è detto che siano cittadini favriesi – commenta il primo cittadino -. In taluni casi siamo riusciti a scoprirlo e sono state elevate le dovute sanzioni. Ringraziamo comunque i consiglieri di minoranza per aver aderito alla nostra iniziativa di sensibilizzazione #taggailmaiale. Spero anzi che altri cittadini ne seguano l’esempio, segnalando però in Comune (o, in alternativa sul sito web o sulla pagina Facebook istituzionale) gli eventuali abbandoni di rifiuti, non limitandosi quindi a pubblicare immagini in rete. E’ indispensabile, infatti, la partecipazione dei cittadini per stanare i “furbetti” che aggirano le norme sulla raccolta differenziata. Non possiamo, infatti, installare telecamere dappertutto e controllare tutto il vasto territorio comunale”.

In ogni caso, la rimozione dei rifiuti rinvenuti è seguita con attenzione dall’Amministrazione.

“Le segnalazioni alla Teknoservice sono state fatte puntualmente, prima ancora che le immagini fossero pubblicate dalla minoranza sui social – conclude il sindaco Vittorio Bellone -. Purtroppo le modalità di recupero non sono sempre così immediate a causa delle procedure burocratiche da espletare anche da parte dell’azienda preposta. Situazioni analoghe si perpetuano da tempo immemore, ma stiamo predisponendo le dovute azioni per sensibilizzare maggiormente la cittadinanza al rispetto delle regole, nel caso inasprendo le sanzioni per le inadempienze riscontrate”.

Leggi anche

19/01/2020

Oglianico: celebrata la festa di Sant’Antonio con la benedizione dei mezzi agricoli e degli animali

Domenica 19 gennaio la comunità di Oglianico ha celebrato Sant’Antonio Abate. Dopo la messa, dal sagrato […]

leggi tutto...

19/01/2020

Rivarolo: l’Olocausto nei libri che hanno protagonisti chi ha vissuto l’orrore dello sterminio

Venerdì 31 gennaio alle 18,00 presso la Biblioteca Comunale “Domenico Besso Marcheis” in via Palma di […]

leggi tutto...

19/01/2020

Ceres, le ambulanze erano impegnate. Pensionato trasportato in pick up fino all’eliambulanza del 118

Per essere trasbordato a bordo dell’eliambulanza del 118 un anziano è stato necessario usare un pick […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy