Derubato mentre si trovava al derby Juve-Toro: svaligiata la villa dell’imprenditore Mattioda

Cuorgnè

/

08/05/2017

CONDIVIDI

Un "colpo pulito" eseguito da una banda di professionisti che colpisce le abitazioni di facoltose vittime quando queste si trovano fuori casa. Ingente il bottino

Mentre assisteva trepidante al derby Juventus-Torino i ladri gli hanno svaligiato la casa: vittima dell’incursione del malviventi è Giampiero Mattioda, imprenditore di primo piano dell’imprenditoria piemontese e titolare di una delle più importanti imprese edili italiano. E’ accaduto nella tarda serata di sabato 6 maggio. I ladri evidentemente erano ben al corrente che all’interno della villa di via Galileo Galilei a Cuorgnè: dopo essere saliti, arrampicandosi alla grondaia, al primo piano hanno sfondato una finestra e si sono introdotti in casa.

Un “colpo pulito” come si dice in gergo. Dopo aver individuato la cassaforte, con l’ausilio di un flessibile i ladri l’hanno aperta e si sono impadroniti di tutto il contenuto, hanno arraffato gioielli e oggetti di valore e poi sono fuggiti indisturbati. A scoprire il furto è stato Giampiero Mattioda al suo ritorno da Torino. La prima stima della refurtiva ammonta a centomila euro. La banda sembra sicuramente formata da professionisti che studiano attentamente i furti da compiere. Non a caso prediligono le abitazioni di persone facoltose e agiscono quando sono ben certi che all’interno delle case non è presente nessuno degli abitanti.

Sul furto indagano i carabinieri della stazione di Cuorgnè insieme ai colleghi della Compagnia di Venaria. Non è la prima volta che la banda prende d’assalto le ville che sorgono nelle colline dell’Alto Canavese. In un caso recente i ladri erano riusciti a trafugare beni per un milione di euro. Dopo quest’ennesimo “furto in villa” i carabinieri ricordano che è possibile collegare il proprio antifurto alla centrale operativa dei carabinieri. Poco più di paio di mesi fa, i ladri (gli stessi?) penetrarono nella villa dell’imprenditore Cinotto: in questo caso il bottino era stato ancora più ingente.

Dov'è successo?

Leggi anche

21/08/2019

La crisi minaccia il mercato della frutta. Confagricoltura: “Salviamo un settore già penalizzato”

“In Piemonte abbiamo una produzione frutticola d’eccellenza, apprezzata in Italia e all’estero. Ciò che dobbiamo cercare […]

leggi tutto...

21/08/2019

Rivarolo Canavese: il Comune spende 100 mila euro per rifare la copertura dell’ala sud del Castello Malgrà

Centomila euro per rifare la copertura situata nei pressi del camminamento merlato del castello Malgrà: è […]

leggi tutto...

21/08/2019

Ivrea, ragazza di 17 anni denuncia: “Il branco mi ha stuprata nel centro sociale”. Indaga la procura

Ha soltanto 17 anni la ragazza che ha denunciato di essere stata vittima di uno stupro. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy