Scarmagno: l’assassino di Laurent Radici fa ritrovare ai carabinieri l’arma usata per sparare

Scarmagno

/

25/01/2019

CONDIVIDI

L'uomo ha confessato di aver sparato perchè l'uomo ostacolava la sua relazione sentimentale con la figlia

E’ stato Giuseppe Laforè a far ritrovare agli artificieri dei carabinieri del comando provinciale di Torino, la pistola calibro 22 con la quale ha sparato a Laurent Radici, il 44enne sinti, deceduto dopo due giorni in ospedale a causa di una grave ferita causata da un proiettile che lo aveva colpito alla testa.

L’arma è stata rinvenuta nella mattinata di oggi, venerdì 25 gennaio, nei boschi che si estendono tra Scarmagno e Montalenghe.

La sparatoria aveva avuto luogo a San Giorgio Canavese il 10 gennaio mentre si trovava nel cortile della propria abitazione. Il 17 gennaio, dopo una settimana di latitanza grazie alla complicità di amici e parenti, Giuseppe Laforè, 24 anni, si era costituito accompagnato dal suo legale, ai carabinieri di Torino.

La pistola Smith&Wesson calibro 22 a sei colpi è stata trovata in buono stato di conservazione in località Masoero. L’arma è la stessa usata da Laforè per sparare.

Reo confesso, Giuseppe Laforè ha raccontato di aver sparato al futuro suocero perchè ostacolava la sua relazione sentimentale con la figlia.

Leggi anche

15/10/2019

Favria: domenica 20 ottobre appuntamento in piazza con una grandiosa castagnata

Domenica 20 ottobre avrà luogo a Favria una castagnata che non è solo il classico appuntamento […]

leggi tutto...

15/10/2019

Giovane coppia di Viù percorre undicimila chilometri a piedi attraverso tutta l’Europa

Hanno attraversato l’Europa percorrendo in un anno 11 mila chilometri a piedi. Anna Rastello e Riccardo […]

leggi tutto...

15/10/2019

Ivrea: rissa in campo tra i giocatori. E l’arbitro sospende la partita di calcio giovanile

Sarà il giudice sportivo a decidere le sorti della partita di calcio e dei tesserati dell’Ivrea […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy