Delitto Rosboch: sì del Gup alla perizia psichiatrica per Gabriele Defilippi. Patteggia Efisia Rossignoli

Ivrea

/

16/02/2017

CONDIVIDI

La telefonista si è dichiarata vittima di Gabriele. Accolta la richiesta del rito abbreviato anche per Roberto Obert. Caterina Abbattista ha preferito ricorrere al rito ordinario

Sì alla perizia psichiatrica e al rito abbreviato per Gabriele Defilippi, il 22enne accusato di aver ucciso in concorso con il maturo ex amico e amante Roberto Obert di 56 anni, l’ex professoressa di sostegno Gloria Rosboch di 49 anni. Il Giudice per l’udienza preliminare di Ivrea Alessandro Scialabba ha accolto la richiesta avanzata dal legale del giovane omicida nel corso dell’udienza che si è svolta nel tribunale di Ivrea nella mattinata di giovedì 16 febbraio. L’accoglimento della richiesta di effettuare la visita psichiatrica per Gabriele Defilippi, comporterà probabilmente lo slittamento di un paio di mesi del processo giudiziaria.
Il giudice ha anche sentito a lungo Efisia Rossignoli, la donna che si prestò a fare da telefonista spacciandosi per la direttrice di una banca allo scopo di convincere l’ex insegnante di francese ad affidare a Gabriele i 187 mila euro che le furono sottratti con l’inganno. La donna è estranea al delitto ma è accusata di truffa e cessione di stupefacenti. Il Gup ha accolto l’istanza di patteggiamento. Per lei la procura ha chiesto la condanna a un anno e 11 mesi di reclusione.  Efisia Rossignoli potrebbe quindi uscire presto di scena. Tra l’altro, la donna avrebbe ammesso di non sapere a chi fosse diretta la telefonata che ha effettuato su richiesta di Gabriele, che era fortemente attratta dalla sua personalità e che ha rischiato anche lei di essere vittima di un raggiro di 200mila euro.
Il Gup ha anche accolto la richiesta, avanzata dall’avvocato Celere Spaziante che difende Roberto Obert, di poter accedere al rito abbreviato. Per quanto invece concerne Caterina Abbattista, 49 anni, l’ex assistente socio-sanitaria e madre di Gabriele Defilippi, accusata di concorso in omicidio insieme al figlio e a Roberto Obert, domenica 19 febbraio scadranno i termini della carcerazione.
A questo proposito il procuratore capo Giuseppe Ferrando ha chiesto al Gup che venga applicata la misura cautelare dell’obbligo di dimora presso la sua casa di Gassino Torinese. Proposta che l’avvocato Gianpaolo Zancan ha chiesto non venga accolta. L’udienza è terminata alle 12,30 ed è stata aggiornata al prossimo 3 marzo.

Dov'è successo?

Leggi anche

25/02/2020

Coronavirus, il presidente della Regione Cirio: “Non chiuderemo i negozi che soffrono già abbastanza”

Il presidente della Regione Alberto Cirio ha chiesto al presidente del Consiglio Conte di attivare da […]

leggi tutto...

25/02/2020

Finanziati i cantieri di lavoro per 32 over 58 nelle Unioni Montane e nei comuni del Canavese

Un cospicuo numero di comuni canavesani e di Unioni montane sono stati finanziati dalla Regione Piemonte […]

leggi tutto...

25/02/2020

Coronavirus, la Regione Piemonte ha istituito un nuovo numero verde. Situazione stabile

L’Unità di crisi della Regione Piemonte sul Coronavirus “Covid19” ha istituito il numero verde sanitario 800.19.20.20, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy